Export: +1,5% per prodotti della tradizione artigiana

breaking_newsI dolci natalizi della tradizione artigiana italiana restano uno dei prodotti più apprezzati all’estero: nell’ultimo anno ne sono stati venduti per un valore di 381,2 milioni di euro, con un aumento dell’1,5% rispetto all’anno precedente. È quanto emerge da un rapporto di Confartigianato, secondo cui l’aumento dell’export di specialità natalizie è in linea con il record storico di vendite all’estero di prodotti alimentari made in Italy registrato tra gennaio e settembre 2016: 30,9 miliardi, il 3,3% in più rispetto all’anno precedente.
Tra i Paesi che acquistano di più c’è la Francia che dall’inizio dell’anno ha comprato 83,1 milioni di euro di dolci natalizi (pari al 21,8% dell’export di questo tipo di prodotti) seguita dalla Germania con 73,8 milioni (19,4% del totale esportato), e il Regno Unito con 43,2 milioni (11,1% del totale). Ma, sottolinea Confartigianato, il boom di crescita dell’export nel 2016 si registra in Spagna che ha comprato il 19% di dolci in più rispetto al 2015. Seguono la Germania con il 18,4% in più, la Polonia con il +18,3% e la Svizzera (+15,3%).

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1257 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Manifattura italiana da record, export migliore degli altri Paesi UE

I sostanziosi investimenti effettuati hanno dato l’ottimo risultato di aumentare il giro d’affari della manifattura italiana nel secondo semestre del 2017, sfruttando le buone prospettive dell’eredità dello scorso anno con

CNA: DATI OCCUPAZIONE

Il numero degli occupati nelle micro e piccole imprese e nell’artigianato è cresciuto in maniera continua e solida nei primi sei mesi del 2016, registrando un ritmo mensile costante del

Ape social: saranno accettate 46 mila richieste dopo accordo Governo-Sindacati

Una nuova e più approfondita revisione delle domande per l’accesso all’ Ape social e alla pensione anticipata per i lavoratori precoci potrà portare ad accettare in totale circa 46 mila

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento