Export: +1,5% per prodotti della tradizione artigiana

breaking_newsI dolci natalizi della tradizione artigiana italiana restano uno dei prodotti più apprezzati all’estero: nell’ultimo anno ne sono stati venduti per un valore di 381,2 milioni di euro, con un aumento dell’1,5% rispetto all’anno precedente. È quanto emerge da un rapporto di Confartigianato, secondo cui l’aumento dell’export di specialità natalizie è in linea con il record storico di vendite all’estero di prodotti alimentari made in Italy registrato tra gennaio e settembre 2016: 30,9 miliardi, il 3,3% in più rispetto all’anno precedente.
Tra i Paesi che acquistano di più c’è la Francia che dall’inizio dell’anno ha comprato 83,1 milioni di euro di dolci natalizi (pari al 21,8% dell’export di questo tipo di prodotti) seguita dalla Germania con 73,8 milioni (19,4% del totale esportato), e il Regno Unito con 43,2 milioni (11,1% del totale). Ma, sottolinea Confartigianato, il boom di crescita dell’export nel 2016 si registra in Spagna che ha comprato il 19% di dolci in più rispetto al 2015. Seguono la Germania con il 18,4% in più, la Polonia con il +18,3% e la Svizzera (+15,3%).

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1255 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

BRT ASSUME SU DIVERSE SEDI

BRT, corriere specializzato nella consegna di diverse tipologie di spedizioni, nella fornitura di servizi logistici di supporto alla movimentazione ed alla distribuzione delle merci, seleziona IT Infrastructure Project Manager, Impiegato

GIOVANI, MODELLO VENETO

Il sistema veneto, grazie alla rete tra scuola e impresa, associazioni datoriali e sindacati, pubblico e privato, sta offrendo la miglior prova di successo in Italia di Garanzia Giovani ed

PUGLIA: IN 2° TRIMESTRE 2015 OCCUPAZIONE +2,8% SU 2014

“Nel secondo trimestre del 2015 l’occupazione ammonta a 1.189.800 unità, con un aumento di 32.600 unità rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente (+2,8%). Il secondo trimestre 2015 ha segno più

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento