Confindustria: in rialzo stime Pil, cala la disoccupazione

image_pdfimage_print

breaking_newsContinua a cresce l’economia italiana anche se lentamente. Lo sottolinea il Centro Studi di Confindustria che rivede al rialzo le stime di crescita del Pil e al ribasso quelle sul tasso di disoccupazione.
Per quanto riguarda il Pil: nel 2016 – sottolinea il Csc nel volume Scenari economici, presentato oggi e chiuso l’8 dicembre – si prevede un aumento del Pil dello 0,9% (0,7% le precedenti stime) mentre nel 2017 si prevede un aumento dello 0,8% (+0,5% la precedente stima). La revisione al rialzo delle previsioni è legato all’andamento migliore dell’economia registrato nel 2016, e tiene conto della legge di Bilancio che prevede più flessibilità nel rapporto deficit Pil e stimoli fiscali sugli investimenti.
La Confindustria rivede al ribasso le stime sul tasso di disoccupazione. Nel 2016 – si legge – il tasso di disoccupazione si attesterà sull’11,4% (11,5% le precedenti previsioni) mentre nel 2017 le attese sono per un tasso in discesa all’11% (11,2% le precedenti previsioni. Nel 2018 il tasso di disoccupazione atteso è del 10,5%. L’occupazione totale (Ula) dovrebbe crescere dell’1,1% quest’anno e dello 0,6% l’anno prossimo.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Pensioni di reversibilità: chiarimenti dell'Inps

L’Inps con un comunicato ha fatto chiarimento su alcune notizie di stampa diffuse in questi giorni riguardo i redditi da dichiarare per il calcolo delle pensioni di reversibilità, precisando che

MICRO IMPRESE PENALIZZATE

Confesercenti apprezza il lavoro fatto dal governo a sostegno delle imprese e dell’occupazione, ma i provvedimenti hanno aiutato in particolare le grandi imprese. Il presidente della confederazione, Massimo Vivoli,  sottolinea,

Mercato Auto: +6,9% da inizio anno

Dopo la frenata di ottobre, il mercato europeo dell’ auto torna a crescere a novembre. Le immatricolazioni nell’Europa dei 28 più i Paesi Efta (Islanda, Norvegia e Svizzera) – secondo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento