Trasferimento di azienda e trasferimento di personale: arriva la sentenza della Cassazione

image_pdfimage_print

trasferimento-di-aziendaCon sentenza n. 24972 del 6 dicembre 2016, la Corte di Cassazione ha affermato che il concetto di trasferimento di azienda richiede non soltanto il trasferimento del personale (in tutto o in parte) ma anche un complesso di beni.

Lo ha chiarito la Corte di Cassazione, sezione lavoro, respingendo il ricorso di alcuni lavoratori che appellandosi all’ex art. 2112 c.c., volevano ottenere il riconoscimento del loro diritto a proseguire, alle dipendenze di una S.r.l., il rapporto di lavoro precedentemente intercorso con una Cooperativa. Tale Cooperativa li aveva difatti licenziati per cessazione dell’attività, causa un mancato rinnovo da parte del Comune, dell’appalto per la gestione dei parcheggi comunali; servizio per l’appunto affidato alla S.r.l. con cui intendevano proseguire il rapporto.

Nella circolare la Corte osserva che un’impresa può ben comprendere beni immateriali ma che “nondimeno è difficile che possa ridurmi solo ad essi, giacché la stessa nozione di azienda contenuta nell’art. 2555 c.c. evoca pur sempre la necessità anche di beni materiali organizzati tra loro in funzione dell’esercizio dell’impresa, organizzazione di fatto impraticabile in caso di strutture fisiche di trascurabile entità o mancanti del tutto, giacché organizzare significa coordinare tra loro i fattori della produzione (capitale, beni naturali e lavoro) e non uno solo“.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Licenziamento del dirigente – presupposti [Cassazione]

Con sentenza n. 20876 del 21 agosto 2018, la Corte di Cassazione ha affermato che “il licenziamento individuale del dirigente può fondarsi non solo sul venire meno del particolare rapporto di fiducia che

Svolgimento del tirocinio per l’accesso alla professione forense

Il Ministero della Giustizia ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 116 del 19 maggio 2016, il Decreto n. 70 del 17 marzo 2016, con il  Regolamento recante la disciplina per lo svolgimento del tirocinio per

Garante privacy: la fatturazione elettronica va cambiata

Il Garante per la protezione dei dati personali ha avvertito l’Agenzia delle entrate che il nuovo obbligo della fatturazione elettronica, così come è stato regolato dall’Agenzia delle entrate, “presenta rilevanti

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento