Cipe: stanziati 400 milioni di euro per il settore agricolo e agroalimentare

Cipe: stanziati 400 milioni di euro per il settore agricolo e agroalimentare
image_pdfimage_print

Innovazione, semplificazione e sostenibilità sono diventate componenti fondamentali per lo sviluppo del settore agricolo e agroalimentare. Un settore nel quale il Cipe – Comitato interministeriale per la programmazione economica ha deciso di stanziare in maniera definitiva 400 milioni di euro per favorirne e la crescita e lo sviluppo.

I fondi si suddivideranno tra:

Infrastrutture irrigue

295 milioni di euro, destinati all’irrigazione collettiva, che si inquadrano nell’ambito di una strategia rivolta alla riduzione/contenimento dei processi di desertificazione e salvaguardia degli ecosistemi, adeguamento ai cambiamenti climatici nelle zone agricole a rischio esondazione, di miglioramento della qualità e quantità dei corpi idrici. Gli interventi sono complementari con quelli previsti dal Psr, cofinanziato con risorse europee per un importo di 300 milioni.

Contratti di filiera e distretto

60 milioni di euro per il sostegno di investimenti di rilevanza nazionale nel settore agroalimentare e delle agroenergie. È previsto il finanziamento di una trentina di contratti di filiera e di distretto e circa 150 imprese fra agricoltura e agroalimentare. Il finanziamento si associa a 200 milioni di euro del Fondo rotativo per il sostegno alle imprese e agli investimenti in ricerca.

Multifunzionalità nelle aree rurali

5 milioni di euro per promuovere una corretta gestione delle aree silvo-pastorali di montagna, assicurando la residenzialità in territori altrimenti destinati all’abbandono. Inoltre, sarà promossa la creazione di nuove strutture per la gestione associata delle proprietà forestali e il rafforzamento delle reti di imprese.

Piano Agricoltura 2.0

40 milioni di euro per un programma di interventi di semplificazione e innovazione finalizzato all’incremento delle capacità amministrativa in agricoltura, compresi nella Strategia per la crescita digitale 2014-2020 – Agenda digitale. Gli ambiti di intervento sono l’innovazione del Sistema informatico agricolo nazionale (Sian) e configurazione di servizi di innovazione per l’amministrazione e per le imprese.

“Aggiungiamo un altro tassello importante per gli investimenti nel comparto – ha dichiarato il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina – I 400 milioni di euro dal Cipe sono la conferma della centralità dell’agricoltura nelle scelte economiche del governo e rappresentano un punto importante per la crescita. Puntiamo su infrastrutture irrigue più efficienti, semplificazione burocratica, nuovo modello di gestione sostenibile del patrimonio boschivo. Le risorse per i contratti di filiera saranno utili a proseguire il lavoro fatto in questi anni per rafforzare i rapporti tra chi produce e chi trasforma”.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Coldiretti: senza Voucher a rischio 50 mila posti di lavoro stagionali in campagna

In assenza dei Voucher è un rischio serio quello di veder scomparire circa 50 mila posti di lavoro occasionali per pensionati e giovani studenti che svolgono lavori stagionali in campagna,

Flai-Cgil: “no a pensione da 121 euro per lavoratori agricoli, legge Fornero da modificare”

Il calcolo è facile e riporta un risultato alquanto demoralizzante: andare in pensione a 70 anni e percepire un assegno di appena 121 euro. Questo è quanto si evince dai

Agricoltura: esonero contributivo per coltivatori e imprenditori

Nella bozza della Legge di Stabilità 2017, in corso di approvazione, sono previste delle misure nel settore dell’agricoltura per l’anno 2017 per promuovere nuove forme di imprenditoria. In particolare essa

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento