Istat: crescita Pil verso la stabilizzazione

image_pdfimage_print

breaking_newsL’Istat ha previsto una del ritmo di crescita del pil: “L’indicatore anticipatore recupera delineando una prospettiva di stabilizzazione del ritmo di crescita dell’economia. In Italia l’aumento del pil registrato nel terzo trimestre è caratterizzato dal miglioramento del valore aggiunto nel settore manifatturiero e dalla ripresa degli investimenti”.

L’istituto, inoltre, ricorda che nel terzo trimestre il pil ha registrato una variazione congiunturale positiva pari allo 0,3%, in accelerazione rispetto alla lieve crescita del secondo trimestre (+0,1%). La domanda nazionale al netto delle scorte ha fornito un contributo positivo (0,3 punti percentuali). La domanda estera netta ha invece apportato un contributo negativo (-0,1 punti percentuali) alla crescita congiunturale del Pil, determinato da un incremento delle importazioni pari a 0,7% a fronte di una variazione solo debolmente positiva delle esportazioni dello 0,1%. La dinamica della domanda interna è stata contraddistinta da un aumento sia dei consumi finali nazionali sia degli investimenti fissi lordi (rispettivamente +0,2% e +0,8%). La componente degli investimenti in macchine, attrezzature e altri prodotti sono risultati in aumento (+0,7%) mentre le costruzioni hanno registrato una lieve flessione (-0,2%).

In ripresa il comparto industriale, dopo il forte calo registrato nel secondo trimestre 2016 (-0,7% rispetto al trimestre precedente), segnando un forte rialzo del valore aggiunto (+1,1% sui tre mesi precedenti). Le attività finanziarie e assicurative hanno segnato la diminuzione marcata (-0,8%). Nel terzo trimestre il valore aggiunto delle costruzioni ha segnato una diminuzione pari a -0,2% rispetto al trimestre precedente.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

CENTRI IMPIEGO NEL 2016

“Se non ci saranno certezze economiche sulla copertura dei costi dei Centri per l’impiego, dall’1 gennaio 2016, non avendo più la competenza su questi servizi, non potremo di garantirne l’operatività”.

UIL: DATI CIG MARZO

Le ore di cassa integrazione autorizzate a marzo sono state oltre 52,3 milioni (-13% rispetto a febbraio). Nel terzo mese dell’anno la cassa integrazione ordinaria ha registrato 17,5 milioni di

Decreto Dignità: al via il provvedimento, tornano modifiche alla somministrazione

Nella tarda serata di ieri è stato approvato il Decreto Dignità. Il Consiglio dei ministri ha confermato il pacchetto di norme che portano la firma del Ministro del Lavoro Ligi

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento