Pensioni: Ocse, Italia al top per contributi

breaking_newsL’Italia è uno dei Paesi dell’area OCSE dove la contribuzione previdenziale obbligatoria per i lavoratori dipendenti è tra le più alte. Lo rende noto l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo economico attraverso il Rapporto “Pensions Outlook 2016”. In Italia la contribuzione previdenziale obbligatoria raggiunge il 33% della retribuzione dei lavoratori dipendenti.
L’OCSE sottolinea che è particolarmente alta la contribuzione del datore di lavoro (23,81%) mentre quella del lavoratore (9,19%) è in linea con Germania e Francia. In Francia si paga il 24,89% di contributi sulla retribuzione, ma il 10,65% è a carico del lavoratore. In Germania si paga il 19%, diviso equamente (9,5%) tra lavoratore e datore di lavoro.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1303 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

STEFANO SACCHI NOMINATO COMMISSARIO DELL’ISFOL

Il ministro del Lavoro e delle politiche sociali, Giuliano Poletti, ha nominato Stefano Sacchi commissario dell’Isfol. La nomina fa seguito alle dimissioni del presidente dell’Istituto, Pietro Varesi, e di due

AGENZIA UNICA ISPEZIONI

L’Ispettorato unico del lavoro riunirà l’attività ispettiva di Inps, Inail e ministero del Lavoro. “L’efficienza del sistema sarà aumentata ma non ci saranno nuove competenze – chiarisce il ministro del

CONTRATTO PORTUALI

Rinnovato il contratto dei portuali, per il triennio 2016-2018 , con un aumento medio di 80 euro: lo riferiscono  Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti. Il rinnovo interessa circa 20 mila lavoratori e

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento