Consulta: rito Fornero per i licenziamenti – inammissibilità del ricorso

image_pdfimage_print

La Corte Costituzionale, con ordinanza n. 205 del 16 luglio 2014, ha dichiarato la manifesta inammissibilità della questione di legittimità costituzionale sollevata dal Tribunale di Siena relativamente all’art. 1, comma 51, della legge n. 92/2012 e dell’art. 51, comma 1, lettera n. 4, del codice di procedura civile.

La questione riguardava la compatibilità della presenza dello stesso giudice che aveva già esaminato le questioni sommarie nei licenziamenti ex art. 18 della legge n. 300/1970, nella fase decisionale, cosa che ha generato diverse posizioni presso vari distretti giudiziari circa la compatibilità (Bologna , Monza , Milano) e la non compatibilità (Roma, Firenze, Torino).

La Consulta ha osservato che, a prescindere dalla presenza di motivi di inadeguatezza della motivazione, la questione appare costituzionalmente inammissibile in quanto si risolve nel tentativo di ottenere dalla stessa Corte, con l’uso dell’incidente costituzionale, l’avallo circa una delle due interpretazioni scaturenti dalla giurisprudenza di merito.

Fonte: Corte Costituzionale

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 279 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Licenziamento dell’uomo per causa di matrimonio [Cassazione]

Con sentenza n. 28926 del 13 novembre 2018, la Corte di Cassazione ha affermato che non sussiste alcuna discriminazione di genere correlata alle tutele poste dall’art. 35 del D.L.vo n. 198/2006 circa il

ISTAT: occupati e disoccupati – maggio 2018

Pubblichiamo la nota mensile dell’Istat, del 2 luglio 2018, sull’andamento dell’occupazione in Italia a maggio 2018. A maggio 2018 la stima degli occupati registra un sensibile aumento (+0,5% rispetto ad aprile, pari a

Cassazione: Amianto – tutela dei lavoratori e dell’ambiente a carico del datore di lavoro

Con sentenza n. 31458 del 17 luglio 2014, la Cassazione ha confermato l’ammenda inflitta – dal Tribunale di merito – ad un datore di lavoro per non aver organizzato, programmato

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento