Min.Lavoro: finanziamenti per il Fondo nazionale per le politiche sociali

image_pdfimage_print

Fondo nazionale per le politiche socialiIl Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze, ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 279 del 29 novembre 2016, il Decreto 10 ottobre 2016 con il riparto delle risorse finanziarie del Fondo nazionale per le politiche sociali, per l’anno 2016.
Le risorse complessivamente afferenti al Fondo nazionale per le politiche sociali per l’anno 2016, ammontanti a 311.589.741,00 euro sono ripartite secondo il seguente schema per gli importi indicati:
A) somme destinate alle regioni € 277.790.028,00
B) somme attribuite al Ministero del lavoro e delle politiche sociali, per gli interventi a carico del Ministero e la copertura degli oneri di funzionamento finalizzati al raggiungimento degli obiettivi istituzionali € 33.799.713,00.

L’utilizzo di queste risorse deve essere programmato nel rispetto dei modelli organizzativi regionali e di confronto con le autonomie locali, secondo i macro-livelli:
• Servizi per l’accesso e la presa in carico da parte della rete assistenziale;
• Servizi e misure per favorire la permanenza a domicilio;
• Servizi per la prima infanzia e servizi territoriali comunitari;
• Servizi territoriali a carattere residenziale per le fragilità;
• Misure di inclusione sociale e sostegno al reddito.
Un gruppo di lavoro, costituito dal Ministero con le Regioni e l’ANCI, si occuperà di individuare le priorità di finanziamento, l’articolazione delle risorse del Fondo, le linee di intervento e gli indicatori finalizzati a specificare gli obiettivi di servizio, con particolare attenzione alla lotta alla povertà e all’esclusione sociale. Particolare priorità nell’utilizzo dei fondi sarà assegnata all’attivazione del Sostegno all’Inclusione Attiva (SIA).

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ammortizzatori in deroga – i criteri per la concessione delle prestazioni (Min. Lavoro)

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha emanato la circolare n. 19 del 11 settembre 2014,  in applicazione delle disposizioni contenute nel Decreto Interministeriale n. 83473 del 1° agosto 2014 che definisce

Consulta: illegittimo il criterio di determinazione dell’indennità di licenziamento

La Corte costituzionale ha dichiarato illegittimo l’articolo 3, comma 1, del Decreto legislativo n. 23/2015 sul contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, nella parte – non modificata

Legge di Bilancio 2019: i contratti a termine esentati dall’applicazione del decreto dignità e smart working

Il comma 403 della Legge 145/2018 (c.d. Legge di Bilancio 2019) ha modificato l’articolo 1, comma 3, del decreto legge n. 87/2018 (c.d. decreto Dignità). La modifica ha riguardato i contratti a termine esentati

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento