Agenda Italia Napoli: bellezze e paradossi della città partenopea

image_pdfimage_print

agenda italiaSi è svolto lunedì 28 novembre a Castel dell’Ovo l’incontro Agenda Italia, l’evento promosso dal Corriere della Sera per discutere e analizzare i provvedimenti già avviati ed i programmi per cambiare il volto delle città simbolo dello sviluppo italiano: Torino, Roma, Napoli e Milano. Gli incontri in calendario – con i sindaci, le istituzioni, la cultura e gli imprenditori – permettono di mettere in luce i temi rilevanti dell’agenda politica, economica e culturale.

L’incontro si è aperto con un reading di Maurizio de Giovanni di un testo intitolato Il motore; lo scrittore partenopeo ha immaginato Napoli come un motore perfetto, un mix di ingranaggi diversi tra loro e che spigionano un’energia incredibile: “Napoli è necessaria, sapete – scrive De Giovanni –  Per capirlo basta passarci sopra in volo, o guardarla dalla riva attraversando il golfo su una qualsiasi imbarcazione. È impossibile pensare che non avrebbe dovuto sorgere una città in quel posto. È una culla perfetta, riparata e nobile, avvolta e accogliente”.

Le mille sfaccettature e le sue contraddizioni rendono Napoli un enigma complesso: “Comprendere Napoli è impossibile. Ce ne sono troppe, di città sedimentate una sull’altra, una nell’altra. Uno spettro di colori talmente vasto da sfuggire alla percezione e all’analisi. Troppe anime per un’anima sola, e per di più in perenne movimento, in costante migrazione interna, di zona in zona e di quartiere in quartiere.”

“È un immenso complesso di fatti e persone, di storie che vanno e che vengono. – scrive infine De Giovanni – Il ricordo di quel motore, di cui ognuno conosce una sola piccola rotella, ci perseguita dovunque andiamo e ci rende perfettamente riconoscibili, anche se cambiamo accento, vestiti, modo di pensare. Una specie di marchio a fuoco, un tatuaggio sul cuore”.

L’incontro è poi proseguito con l’intervista del direttore del Corriere della Sera Luciano Fontana al sindaco Luigi de Magistris. Tanti i temi affrontati: il referendum, i rapporti con Renzi e quelli con De Luca, Bagnoli, i poteri ordinari e l’indagine realizzata da «La Sapienza» di Roma, che ha relegato Napoli al terz’ultimo posto nella classifica sulla vivibilità delle città italiane. De Magistris ha evidenziato che la sua amministrazione è impegnata ogni giorno per cercare di migliorare Napoli con la consapevolezza di vivere in una delle città più belle al mondo non ignorando, ma anzi affrontando i numerosi problemi che affliggono il capoluogo campano.

Nella seconda parte di Agenda Italia-Napoli, si è tenuto l’incontro “Dialogo sulla città”, moderato dal direttore del Corriere del Mezzogiorno Enzo d’Errico. Il dibattito si è sviluppato sul rapporto tra imprese, cultura e istituzioni. Se per Carlo Pontecorvo «lo sviluppo non si inventa con migliaia di assunzioni nella pubblica amministrazione, ma aiutando le aziende e creando i presupposti per il rilancio dell’economia e dell’occupazione», Stefania Brancaccio ritiene che «le istituzioni spesso non siano capaci di dare risposte concrete alle imprese e alla cittadinanza». Sergio D’Angelo pone invece l’accento sul welfare: «Non è una misericordia pubblica ma un investimento sul futuro, perché innesca una serie di circuiti virtuosi che vanno ben oltre». Infine Paolo Giulierini ha ricordato: «Ho presentato la domanda solo per Napoli perché volevo venire qui e non mi sono pentito; i risultati stanno arrivando, eppure c’è la necessità di fare davvero rete tutti insieme: dall’impresa alla cultura, alle istituzioni».

Fonte: corriere.it

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1255 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Pil: trend positivo nel secondo trimestre +0,4%, crescita dell’1,5% su base annua

Nel periodo Aprile-Giugno del 2017 il prodotto interno lordo (Pil), espresso in valori concatenati con riferimento all’anno 2010,  corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, ha subito un aumento

DONNE, IL 30% LASCIA IL LAVORO

Attualmente circa il 30% delle donne occupate lascia il lavoro dopo la gravidanza. Infatti, il tasso di abbandono del lavoro per le donne nate dopo il 1964 è al 25%.

MASTER PER ESPERTO IN ENERGIA

Una figura innovativa che guarda al futuro. La possibilità di creare professionisti specializzati da inserire nel mondo del lavoro. Si tratta del tecnico superiore per la gestione e la verifica

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento