Riforma Costituzionale: ecco cosa cambia

Riforma Costituzionale: ecco cosa cambia
image_pdfimage_print

Il prossimo 4 dicembre gli italiani saranno chiamati ad esprimersi sul referendum costituzionale per approvare o respingere la riforma della costituzione.

Il referendum costituzionale è previsto dall’articolo 138 della Costituzione Italiana e deve essere indetto entro tre mesi dall’approvazione da parte del parlamento delle leggi di revisione costituzionale. Per essere valido non c’è bisogno di raggiungere il quorum, ovvero non è necessario che vada a votare il 50 per cento più uno degli aventi diritto.

La riforma costituzionale prevede la modifica di oltre 40 articoli; essa si pone soprattutto come una riforma del Senato, con la fine del bicameralismo perfetto, il taglio dei costi della politica, l’equilibrio di rappresentanza uomini-donne, il nuovo rapporto Stato-Regioni, le diverse modalità con cui si approveranno le leggi. Il referendum è un evento molto importante per il Paese, ed è doveroso votare con la giusta consapevolezza.

Per questo motivo alleghiamo un documento redatto dal Servizio Studi del Dipartimento Istituzioni che mette a confronto il testo vigente della Costituzione con quello modificato dal testo di legge costituzionale, come risultante dall’esame parlamentare. Nella seconda colonna, il carattere grassetto evidenzia le modifiche rispetto al testo della Costituzione vigente. È inoltre indicato, accanto all’articolo della Costituzione, l’articolo del testo di legge che dispone la modifica.

Leggi il Testo di Legge Costituzionale

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Le clausole di stabilizzazione degli apprendisti

Tra le disposizioni che hanno avuto un certo impatto sulla normativa dell’apprendistato spicca quella che si riferisce alla percentuale di stabilizzazione dei giovani assunti con rapporto di apprendistato. La disposizione

Riorganizzazione e crisi aziendale: cambiano i parametri orari per l’autorizzazione [E.Massi]

Con il prossimo 24 settembre viene meno la vigenza dell’art. 44, comma 3, del D.L.vo n. 148/2015 che aveva spostato, in avanti di due anni, la disposizione, contenuta nell’art. 22,

Le prestazioni di lavoro occasionali in ambito familiare [E.Massi]

L’art. 54-bis della legge n. 96/2017 che ha convertito, con modificazioni, il D.L. n. 50, prevedendo una nuova disciplina per i c.d. “lavori occasionali”, dedica una particolare attenzione a quello

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento