A quanto ammonta il danno che causa un lavoratore, dimettendosi durante un rapporto a tempo determinato?

A quanto ammonta il danno che causa un lavoratore, dimettendosi durante un rapporto a tempo determinato?
image_pdfimage_print

 

Non esiste una norma che definisce il “danno” per l’azienda in caso di recesso anticipato ed unilaterale del lavoratore di un rapporto di lavoro a termine.
Teoricamente dovrebbe essere il medesimo che subirebbe il lavoratore in caso di licenziamento anticipato: le restanti retribuzioni del periodo non lavorato.
La prassi seguita per i lavoratori, in qualità di soggetti più deboli, è quella di trattenere dal compenso ancora dovuto al lavoratore un importo pari al preavviso che egli avrebbe dovuto prestare se il rapporto fosse stato a tempo indeterminato.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Si paga il contributo d’ingresso alla mobilità in presenza di procedure concorsuali?

No (art. 3, comma 3, della legge n. 223/1991 e circ. INPS n. 171/2001), a fronte della verifica del curatore del fallimento o del liquidatore nella procedura di liquidazione coatta

Dimissioni on-line: come verrà gestito il periodo di preavviso?

Il documento potrebbe arrivare prossimo all’ultimo giorno del lavoratore, nel caso di dimissioni immediate addirittura il giorno seguente. L’azienda pertanto notifica al lavoratore eventuale trattenute del preavviso successivamente le dimissioni?

Quale è il ruolo delle guardie giurate in azienda?

L’art. 2 della legge n. 300/1970 affida alle guardie giurate il compito della tutela del patrimonio aziendale: esse non possono, in alcun modo, controllare l’attività dei lavoratori, annotare

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento