A quanto ammonta il danno che causa un lavoratore, dimettendosi durante un rapporto a tempo determinato?

A quanto ammonta il danno che causa un lavoratore, dimettendosi durante un rapporto a tempo determinato?

 

Non esiste una norma che definisce il “danno” per l’azienda in caso di recesso anticipato ed unilaterale del lavoratore di un rapporto di lavoro a termine.
Teoricamente dovrebbe essere il medesimo che subirebbe il lavoratore in caso di licenziamento anticipato: le restanti retribuzioni del periodo non lavorato.
La prassi seguita per i lavoratori, in qualità di soggetti più deboli, è quella di trattenere dal compenso ancora dovuto al lavoratore un importo pari al preavviso che egli avrebbe dovuto prestare se il rapporto fosse stato a tempo indeterminato.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1250 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento