Inps: imprese attive in crescita dell'1,87%.

image_pdfimage_print

breaking_newsNel 2015 le imprese del settore privato non agricolo che sono risultate attive sono 1.644.628; rispetto al 2014 si osserva un aumento del 1,87% circa. Lo rileva l’Inps specificando che “questo è il primo aumento degno di nota che si riscontra dal 2008 ad oggi”. Il numero medio annuo di posizioni lavorative è risultato pari nel 2015 a 13.419.512, con un aumento del 2,07% rispetto all’anno precedente. Anche in tal caso è il primo aumento che si osserva a partire dal 2008. Sempre nel 2015 la somma totale dei contributi annui è di 121 miliardi di euro, con una crescita del 3,87% rispetto all’anno precedente.

Analizzando la serie storica del numero delle imprese attive dal 2006 al 2015 si osserva che esse crescono di numerosità fino all’anno 2008, passando da 1.625.308 a 1.732.183, con un incremento del 6,58%. Dal 2008 si assiste ad una inversione di tendenza: più contenuta fino al 2012 e più accentuata fino al 2014 arrivando ad una perdita di imprese complessiva dal 2008 al 2014 del -6,79%. Nell’ultimo anno, invece, si assiste ad un incremento del 1,87%.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1255 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Istat: in aumento posti di lavoro "liberi"

L’Istat ha rilevato che il tasso dei posti vacanti, che misura la quota di posti di lavoro ‘liberi’, per i quali il datore di lavoro sta cercando attivamente un candidato,

VIGILI DEL FUOCO: CONAPO, IN ARRIVO 593 ASSUNZIONI STRAORDINARIE

“Via libera della quinta commissione bilancio della Camera dei deputati all’assunzione straordinaria di ulteriori 593 vigili del fuoco. Di questi, 193 saranno assunti mediante finanziamento per il 2016 dell’anticipo del

MODELLO? CONTRATTO ARTIGIANI

Sul contratto nazionale di lavoro Confartigianato è stata innovativa, “prima di Confindustria, in quanto primo e secondo livello hanno pari cogenza”. Parola del presidente della confederazione, Giorgio Merletti, che spiega:

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento