Istat: migliora l'occupazione

image_pdfimage_print

breaking_newsBuone notizie da parte dell’Istat: nel 2016 l’occupazione aumenterebbe (+0,9% in termini di unità di lavoro) congiuntamente a una riduzione del tasso di disoccupazione (11,5%). L’istituto spiega che “i miglioramenti sul mercato del lavoro proseguirebbero anche nel 2017 ma a ritmi più contenuti: le unità di lavoro sono previste in aumento dello 0,6% e la disoccupazione si attesterebbe all’11,3%”.

Il tasso di disoccupazione, che nel corso dell’anno ha mostrato un andamento relativamente stabile, secondo l’Istat dovrebbe infatti diminuire progressivamente, anche per effetto della maggiore partecipazione al mercato del lavoro sia nel 2016 (11,5%) sia nel 2017 (11,3%). Le retribuzioni per dipendente mostreranno una dinamica moderata, sostanzialmente in linea con quella delle retribuzioni contrattuali (+0,6% nel 2016). La dinamica della produttività del lavoro, secondo l’Ufficio di statistica, resterà negativa per l’anno in corso mentre il costo del lavoro per unità di prodotto è atteso in aumento per tutto il periodo di previsione.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

AVANZI: ASSUNZIONI NEL SETTORE OTTICA

Avanzi, la catena internazionale di ottica è alla ricerca delle seguenti figure professionali: Ottico in possesso di abilitazione, sede Trento, Ottico, sede: Trieste, Ottico in possesso di abilitazione, sede: Cremona

COSTO DEL LAVORO

Bene il taglio annunciato su Tasi e Imu, ma per le imprese meccaniche la priorità resta quella di una vigorosa sforbiciata al costo del lavoro e alla tassazione  che grava

AGENZIE LAVORO, FORMULA VINCENTE

Le Agenzie per il Lavoro si confermano un volano per la competitività delle imprese e per chi cerca un’occupazione. “L’aumento della durata media delle missioni e la crescita esponenziale delle

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento