Rinnovo del CCNL: più flessibilità per il turismo

Rinnovo del CCNL: più flessibilità per il turismo
image_pdfimage_print

È stato firmato il rinnovo del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro dell’Industria Turistica tra Federturismo Confindustria, AICA e le Organizzazioni Sindacali Filcams- CGIL, Fisascat – CISL e Uiltucs- UIL. L’accordo riguarda circa 200mila addetti della filiera turistica, dalle grandi catene alberghiere al comparto dei tour operator e agenzie di viaggio ed ha come scadenza il 31 gennaio 2018.

L’intesa prevede un adeguamento salariale di 88 euro al livello medio; di questi sei euro varranno come anticipo sui futuri aumenti contrattuali da erogarsi in tre tranche, di cui l’ultima a gennaio 2018. Tenuto conto degli oltre 4 anni durante i quali, a causa della crisi, non sono stati erogati aumenti, le parti hanno convenuto di prevedere una prima tranche da erogarsi già dal mese di novembre.

Il concetto di flessibilità è stato fondamentale nel trovare una nuova intesa per il Ccnl: l’accordo è stato innovato e uniformato al Jobs Act coinvolgendo istituti fondamentali per il settore, come il lavoro a tempo determinato e il contratto di somministrazione a termine, resi anche più fruibili per le aziende.

Il nuovo contratto nazionale mantiene e conserva inoltre le previsioni normative del precedente Ccnl sull’organizzazione del lavoro, sui permessi, sul trattamento economico della malattia e sugli automatismi contrattuali riferiti agli scatti di anzianità, contemplando il rafforzamento della contrattazione di secondo livello territoriale ed aziendale attraverso l’aggiornamento dell’elemento economico di garanzia fino a 186 euro, e il potenziamento della bilateralità di settore e del welfare contrattuale riferito all’assistenza sanitaria integrativa.

Sul mercato del lavoro l’intesa stabilisce il tetto massimo del 20% sul ricorso al lavoro a tempo determinato e del 18% per il contratto di somministrazione a tempo determinato.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

I lavoratori in somministrazione mediamente per mese sono oltre 282mila, +8,7% sul 1° semestre 2013 [video: Spot 2014 Assolavoro]

Nei primi sei mesi dell’anno, i lavoratori in somministrazione occupati mediamente in un mese superano quota 282mila, con un incremento dell’8,7% sullo stesso periodo dell’anno precedente. Le ore lavorate complessivamente sono oltre 162

Tutele crescenti :addio definitivo alla tutela reale per i licenziamenti di natura economica, anche nei casi di somministrazione irregolare

Lo scorso 4 marzo è stato firmato dal Presidente della Repubblica il primo decreto attuativo emanato sulla scorta della Legge Delega n. 183/2014, ai più nota come Jobs Act. Dal

Decreto Dignità: al via il provvedimento, tornano modifiche alla somministrazione

Nella tarda serata di ieri è stato approvato il Decreto Dignità. Il Consiglio dei ministri ha confermato il pacchetto di norme che portano la firma del Ministro del Lavoro Ligi

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento