Istat: +45 mila occupati in un mese

image_pdfimage_print

breaking_newsA settembre la stima degli occupati cresce del +0,2%, pari a 45 mila unità, recuperando il calo registrato nel mese di luglio. Dinamiche positive si rilevano per entrambe le componenti di genere e in tutte le classi di età; l’aumento si concentra, questo mese, tra i lavoratori indipendenti (+56 mila), a fronte di un calo dei dipendenti a termine e la stabilità di quelli permanenti. Il tasso di occupazione è pari al 57,5%, in aumento di 0,1 punti percentuali rispetto al mese precedente. Nel periodo luglio-settembre si registra una sostanziale stabilità degli occupati rispetto al trimestre precedente; segnali di crescita si rilevano per i lavoratori dipendenti, sia permanenti sia a termine e le persone di 50 anni o più, mentre diminuiscono in modo significativo gli indipendenti.

“La maggiore partecipazione al mercato del lavoro nel mese di settembre – sottolinea l’Istat – in termini sia di occupati sia di persone in cerca di lavoro, si associa alla diminuzione della stima degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-0,9%, pari a -127.000)”.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Decreto Dignità: la relazione tecnica prevede 80 mila posti in meno in 10 anni

Il Decreto Dignità è stato pubblicato da pochi giorni in Gazzetta Ufficiale e già solleva un polverone di polemiche all’interno del governo e anche con l’opposizione. Secondo i calcoli inseriti

ISTAT: CRESCONO OCCUPATI, AD APRILE

Cresce la partecipazione al mercato del lavoro e aumentano contemporaneamente disoccupati e occupati. Gli inattivi ad aprile – rileva l’Istat – diminuiscono di 113.000 unità rispetto a marzo e di

PA, 20 MILIARDI DI CONSULENZE

In 6 anni di blocco contrattuale nel pubblico impiego, sono stati spesi 20 miliardi per consulenze e incarichi nella Pubblica Amministrazione. Sono dati della Ragioneria dello Stato. È inaccettabile che

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento