Cassazione: concordato preventivo ed occultamento dell’attivo

image_pdfimage_print

Con sentenza n. 14552 del 26 giugno 2014, la Corte di Cassazione ha affermato che l’occultamento o la dissimulazione dell’attivo da parte di una società determina sempre la revoca dell’ammissione al concordato preventivo.

I giudici della Suprema Corte hanno, infatti, evidenziato come il comportamento fraudolento del debitore fa perdere il beneficio indipendentemente dal voto espresso dai creditori in adunanza e, quindi, anche nell’ipotesi in cui gli stessi sino stati resi edotti del tentativo di truffa.

pdf-icon  la sentenza n. 14552/2014 (fonte: Guida al Diritto)

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 298 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

lavoratori in mobilità e ricollocazione in azienda con asset aziendali coincidenti [cassazione]

Con sentenza n. 13583 del 2 luglio 2015, la Corte di Cassazione ha confermato il mancato riconoscimento dei benefici contributivi in favore dell’impresa che assume lavoratori collocati in mobilità (articolo

Bonus mamma – dal 4 maggio le domande per gli 800 euro [INPS cir. 78/17 ]

L’Inps, con la circolare n. 78 del 28 aprile 2017, comunica che a partire dal 4 maggio 2017 sarà messa in esercizio la procedura di acquisizione delle domande che dovranno essere trasmesse all’Istituto esclusivamente

No al recesso se il dipendente è riammesso dopo il comporto [cassazione]

Il datore di lavoro non può licenziare il lavoratore riammesso in azienda dopo il periodo di comporto. L’autorizzazione alla ripresa dell’attività lavorativa configura, infatti, una manifestazione implicita della volontà di

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento