Cassazione: concordato preventivo ed occultamento dell’attivo

Con sentenza n. 14552 del 26 giugno 2014, la Corte di Cassazione ha affermato che l’occultamento o la dissimulazione dell’attivo da parte di una società determina sempre la revoca dell’ammissione al concordato preventivo.

I giudici della Suprema Corte hanno, infatti, evidenziato come il comportamento fraudolento del debitore fa perdere il beneficio indipendentemente dal voto espresso dai creditori in adunanza e, quindi, anche nell’ipotesi in cui gli stessi sino stati resi edotti del tentativo di truffa.

pdf-icon  la sentenza n. 14552/2014 (fonte: Guida al Diritto)

PrintFriendlyPrintEmailFacebookLinkedInTwitterWhatsAppCondividi
in collaborazione con dottrinalavoro.it

A cura di : in collaborazione con dottrinalavoro.it

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Potrebbero interessarti anche:

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top

Resta aggiornato !
Iscriviti alla NEWSLETTER #jol

Il servizio è gratuito e prevede l’invio di:

Si prega di attendere ...

Terms (+)  |  Privacy (+) | Contatti (+)