Cassazione: concordato preventivo ed occultamento dell’attivo

Con sentenza n. 14552 del 26 giugno 2014, la Corte di Cassazione ha affermato che l’occultamento o la dissimulazione dell’attivo da parte di una società determina sempre la revoca dell’ammissione al concordato preventivo.

I giudici della Suprema Corte hanno, infatti, evidenziato come il comportamento fraudolento del debitore fa perdere il beneficio indipendentemente dal voto espresso dai creditori in adunanza e, quindi, anche nell’ipotesi in cui gli stessi sino stati resi edotti del tentativo di truffa.

pdf-icon  la sentenza n. 14552/2014 (fonte: Guida al Diritto)

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 331 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

INPS: aziende con il sistema Uniemens – denunce mensili “Anomali e Provvisori”

L’Inps, con il messaggio n. 5207 del 6 agosto 2015, fornisce alcuni chiarimenti alle denunce anomale e provvisorie che riportano una “squadratura” tra la somma dei singoli elementi contributivi individuali

INPS: Osservatorio sul precariato – gennaio-ottobre 2017

L’Inps ha pubblicato l’Osservatorio sul precariato con il report mensile gennaio-ottobre 2017. LA CONSISTENZA DEI RAPPORTI DI LAVORO Nei primi dieci mesi del 2017, nel settore privato si registra un saldo tra assunzioni

Ministero del Lavoro: anzianità di effettivo lavoro presso l’unità produttiva a fini CIG

La Direzione Generale degli ammortizzatori sociali e della formazione, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, rispondendo ad un quesito dell’Ance e dell’Alleanza delle Cooperative italiane Produzione e Lavoro,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento