Licenziamento collettivo: precisare criteri adottati

licenziamento collettivoLa Fondazione Studi Consulenti del lavoro, in materia di reintegra a seguito di licenziamento collettivo, approfondisce la sentenza n. 19320 del 2016 emessa dalla Corte di Cassazione. Nell’ambito della procedura di licenziamento collettivo, infatti, il datore di lavoro è obbligato ad esporre puntualmente le modalità con cui sono applicati i criteri di scelta dei lavoratori da licenziare: ciò al fine di consentire a questi ultimi, alle organizzazioni sindacali e agli organi amministrativi di controllare la correttezza dell’operazione la rispondenza agli accordi raggiunti.
“In caso di incompletezza di tale comunicazione -sottolinea la Fondazione studi- al lavoratore va riconosciuta solo l’indennità risarcitoria relativa al vizio di procedura (da 12 a 24 mensilità: sanzione prevista dall’articolo 5 della legge 223 del 1991, secondo inciso del comma 3, che richiama l’articolo 18 dello Statuto dei lavoratori comma 7)”.
“Non la reintegra -continua- per violazione dei criteri di scelta, quindi, la quale è prevista unicamente quando i criteri siano illegittimi perché attuati in difformità alle previsioni legali o collettive”.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Cassazione: licenziamento disciplinare e mancata affissione del codice disciplinare

Con sentenza n. 4826 del 24 febbraio 2017, la Corte di Cassazione ha ribadito come, in materia di licenziamento disciplinare, il principio di necessaria pubblicità del codice disciplinare mediante affissione in luogo accessibile

Solidarietà negli appalti [Cassazione]

Con sentenza n. 22110 del 4 settembre 2019, la Corte di Cassazione, decidendo su un caso antecedente l’emanazione del D.L. n. 25/2017, ha fissato alcuni principi di natura generale in materia di solidarietà

INPS: l’ Osservatorio sul precariato con i dati di gennaio-maggio 2018

L’Inps ha pubblicato – in data 19 luglio 2018 – i dati di gennaio-maggio 2018 dell’Osservatorio sul precariato. Le assunzioni nel settore privato, nel periodo gennaio-maggio 2018, sono aumentate del 9,8% rispetto allo stesso

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento