Voucher baby-sitting: sostegno per le madri lavoratrici

image_pdfimage_print

madri_lavoratriciIl Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 252 del 27 ottobre 2016, il Decreto 1° settembre 2016 con l’estensione dell’erogazione del voucher per l’acquisto dei servizi di baby-sitting o per far fronte agli oneri dei servizi per l’infanzia, alle madri lavoratrici autonome o imprenditrici.

Al termine del periodo di fruizione dell’indennità di maternità e nei 3 mesi successivi ovvero per un periodo massimo di 3 mesi entro il primo anno di vita del bambino,  le neo-madri hanno la facoltà di richiedere per l’anno 2016, in luogo del congedo parentale, un contributo utilizzabile alternativamente per il servizio di baby-sitting o per far fronte agli oneri della rete pubblica dei servizi per l’infanzia o dei servizi privati accreditati (ai sensi dell’art. 4, comma 24, lettera b), della legge 28 giugno 2012, n. 92). Possono accedere al voucher anche madri lavoratrici che abbiano usufruito in parte del congedo parentale.

La domanda dev’essere presentata tramite i canali telematici entro il 31 dicembre 2016, indicando a quale delle 2 opzioni intende accedere e per quante mensilità intende usufruire del beneficio in alternativa al congedo parentale, con conseguente riduzione dello stesso.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Dalla Spagna ai Paesi Bassi per l’ Althea BMW Racing Team

Dopo i risultati incoraggianti ottenuti dieci giorni fa prima al Motorland Aragón, ed in seguito nei test svolti subito dopo sul circuito di Jerez de la Frontera, l’ Althea BMW

DECONTRIBUZIONE FALLITA

“Lo stanziamento di svariati miliardi per la decontribuzione sulle nuove assunzioni, per aumentare l’occupazione giovanile, ha completamente fallito”, secondo il segretario generale della Uil, Barbagallo. “È emerso un pò di

Ocse: aspettative deluse, in Italia crescita bloccata

Catherine Mann, capo economista dell’Ocse, analizza la situazione occupazionale italiana e si ritiene profondamente delusa: “In Italia sono stati compiuti notevoli progressi in materia di diritto del lavoro. Questo ha

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento