TURISMO – flessibilita’ contrattata per i rapporti a termine. L’accordo sembra stipulato ai sensi dell’art.1 comma 1-bis del d.lgs 368/2001. Ma tale riferimento normativo mi sembra sia stato abolito dal dl 34/2014.Se così è vine meno anche il riferimento successivo all’art.10 comma 7 della stessa legge e l’accordo pertanto non dovrebbe essere valido. E’ possibile un chiarimento?

image_pdfimage_print

La norma si riferisce a quelle aziende che non hanno alcuna regolamentazione collettiva e che alla data di entrata in vigore delle nuove disposizioni hanno una percentuale di lavoratori a termine superiore al 20% (fatta, ovviamente la “tara” di quelli non computabili perchè over 55, per ragioni sostitutive o stagionali ecc., o perchè non rientranti nell’ombrello applicativo del 368/2001 come i contratti dei lavoratori in mobilità o i dirigenti a termine). Le imprese hanno tempo fino al 31 dicembre 2014 per rientrare nel limite. Tale limite può essere spostato in avanti attraverso un accordo collettivo anche di secondo livello.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 471 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Come si posso inquadrare figure di ex-dipendenti in pensione, che erano cococo, e che prestano il loro servizio come consulenti e organizzatori in diversi settori Aziendali, per il futuro?

Qualora l’attività degli ex dipendenti non sia continuativa all’interno dell’azienda e vi sia un’autonomia gestionale del soggetto, il lavoratore in pensione potrebbe aprire partita IVA e svolgere, da autonomo, la prestazione

La Cassa integrazione in deroga per gli anni 2014 e 2015 è cambiata?

Si, per effetto del Decreto interministeriale 1° agosto 2014, n. 83473. L’erogazione è possibile per: situazioni aziendali dovute ad eventi non transitori; situazioni aziendali temporanee determinate da crisi di mercato;

La legge prevede l’esenzione triennale anche per i tempi determinati confermati a tempo indeterminato. Vale solo per i tempi determinati già in atto al 01/01/2015, o anche per le assunzioni fatte oggi a tempo determinato, che verranno confermati  entro  il  31.12.2015?

Qualsiasi tempo determinato che verrà trasformato a tempo indeterminato entro il 31 dicembre 2015 sarà soggetto a decontribuzione/ esenzione (sempreché non finiscano prima i soldi a disposizione dell’Inps); ciò indipendentemente

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento