fbpx

TURISMO – flessibilita’ contrattata per i rapporti a termine. L’accordo sembra stipulato ai sensi dell’art.1 comma 1-bis del d.lgs 368/2001. Ma tale riferimento normativo mi sembra sia stato abolito dal dl 34/2014.Se così è vine meno anche il riferimento successivo all’art.10 comma 7 della stessa legge e l’accordo pertanto non dovrebbe essere valido. E’ possibile un chiarimento?

La norma si riferisce a quelle aziende che non hanno alcuna regolamentazione collettiva e che alla data di entrata in vigore delle nuove disposizioni hanno una percentuale di lavoratori a termine superiore al 20% (fatta, ovviamente la “tara” di quelli non computabili perchè over 55, per ragioni sostitutive o stagionali ecc., o perchè non rientranti nell’ombrello applicativo del 368/2001 come i contratti dei lavoratori in mobilità o i dirigenti a termine). Le imprese hanno tempo fino al 31 dicembre 2014 per rientrare nel limite. Tale limite può essere spostato in avanti attraverso un accordo collettivo anche di secondo livello.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 694 posts

Esperto di Diritto del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

L’esonero contributivo previsto per le assunzioni a tempo indeterminato del 2015, rientra nel de minimis ?

No, non si tratta di aiuti di Stato. La stessa inps, con la circolare n. 17/2015, esclude

Nel calcolo delle 30 giornate effettive di lavoro nei 12 mesi precedenti, per avere la NASPI, rientrano anche i giorni di malattia che hanno procurato il licenziamento per superamento del periodo di comporto?

Le giornate di lavoro effettivo per avere la NASPI sono le giornate di effettiva presenza al lavoro a prescindere dalla loro durata oraria. In particolare, esse sono indicate nel flusso

Nel momento in cui a un lavoratore sopravvenga un grave lutto familiare, durante il godimento del periodo di ferie, il dipendente può interrompere il congedo ferie e usufruire del permesso lutto?

La nuova normativa sui congedi familiari introdotta con la L. n. 53/2000, in particolare sul diritto del lavoratore al permesso retribuito di tre giorni lavorativi all’anno in caso di decesso

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.