Imprese italiane: fallimenti in calo nel 2016

image_pdfimage_print

breaking_newsEmergono dati positivi dall’analisi dei fallimenti delle imprese in Italia, aggiornata a fine settembre 2016, realizzata da Cribis D&B, la società specializzata nella business information. Il terzo trimestre del 2016 conferma l’inversione di tendenza dopo gli ultimi anni caratterizzati da un preoccupante aumento dei fallimenti, soprattutto nel 2014 quando le chiusure d’imprese furono 15.336. Nel terzo trimestre del 2016 in Italia le imprese che hanno portato i libri in Tribunale sono state 2.704, registrando un calo del 4,4% rispetto ad un anno fa, del 7,8% rispetto al 2014.

“I dati emersi dal nostro studio -commenta Marco Preti, amministratore delegato di Cribis D&B- confermano le previsioni ottimistiche dello scorso trimestre. Attualmente il segnale più positivo per le nostre imprese è il cambio di trend dopo anni caratterizzati da un costante aumento del numero dei fallimenti, che hanno colpito principalmente il settore del commercio al dettaglio”.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

COMMERCIALISTI AL CONGRESSO NAZIONALE UNAGRACO

Commercialisti, avvocati e consulenti del lavoro provenienti da tutto il territorio nazionale hanno partecipato alle quattro tavole rotonde scientifiche del Congresso nazionale Unagraco, svoltosi l’8 aprile nel capoluogo pugliese. Numerosi

BONACCINI INCONTRA POLETTI PER POLITICHE SOCIALI

“Due notizie positive per le politiche sociali del nostro Paese. In dirittura di arrivo i livelli essenziali di assistenza per la non autosufficienza e un lavoro avviato per le risorse

DISOCCUPAZIONE GIOVANI AL 40,5%

La disoccupazione giovanile scende al 40,5% a settembre. Lo rileva l’Istat. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni risulta in calo rispetto ad agosto, ma i giovani inattivi sono 22 mila

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento