Imprese italiane: fallimenti in calo nel 2016

image_pdfimage_print

breaking_newsEmergono dati positivi dall’analisi dei fallimenti delle imprese in Italia, aggiornata a fine settembre 2016, realizzata da Cribis D&B, la società specializzata nella business information. Il terzo trimestre del 2016 conferma l’inversione di tendenza dopo gli ultimi anni caratterizzati da un preoccupante aumento dei fallimenti, soprattutto nel 2014 quando le chiusure d’imprese furono 15.336. Nel terzo trimestre del 2016 in Italia le imprese che hanno portato i libri in Tribunale sono state 2.704, registrando un calo del 4,4% rispetto ad un anno fa, del 7,8% rispetto al 2014.

“I dati emersi dal nostro studio -commenta Marco Preti, amministratore delegato di Cribis D&B- confermano le previsioni ottimistiche dello scorso trimestre. Attualmente il segnale più positivo per le nostre imprese è il cambio di trend dopo anni caratterizzati da un costante aumento del numero dei fallimenti, che hanno colpito principalmente il settore del commercio al dettaglio”.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

VITALI (FONDIMPRESA) SU FORMAZIONE

“La formazione è parte integrante del business dell’impresa e quella mirata è quella che serve di più. Questa è l’opportunità offerta da Fondimpresa che con i suoi strumenti e finanziamenti,

SINDACATI IN PIAZZA PER LEGGE CONTRO CAPORALATO

Fai-Flai-Uila hanno indetto, martedì 19 luglio alle 10 a Piazza del Pantheon a Roma, un presidio al quale parteciperanno oltre 500 delegati provenienti da tutta Italia, per chiedere l’approvazione da

BRICOMAN ASSUME A VERONA

La catena di punti vendita Bricoman Italia srl specializzata di prodotti tecnici professionali per costruzioni e ristrutturazioni presente in 4 Paesi del mondo, con oltre 70 store e 6mila dipendenti è

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento