Lavoro accessorio: chiarimenti da parte dell'INL

lavoro_accessorioL’Ispettorato nazionale del Lavoro, ha emanato la circolare n. 1 del 17 ottobre 2016, con la quale fornisce alcuni chiarimenti in merito alla comunicazione prevista dal Decreto Legislativo n. 185/2016. Al fine dell’adempimento previsto dall’art. 49 del Decreto Legislativo n. 81/2016, il committente dovrà, entro 60 minuti prima dell’inizio della prestazione di lavoro, inviare una e-mail al competente Ispettorato del lavoro, tramite l’indirizzo di posta elettronica creata appositamente.

Le e-mail dovranno essere prive di qualsiasi allegato e dovranno riportare i dati del committente e quelli relativi alla prestazione di lavoro accessorio sopra indicati. La comunicazione in questione andrà effettuata:
1) per gli imprenditori non agricoli e per i professionisti, almeno 60 minuti prima dell’inizio della prestazione e dovrà riguardare ogni singolo lavoratore che sarà impegnato in prestazioni di lavoro accessorio e dovrà indicare:
• i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore;
• il luogo della prestazione;
• il giorno di inizio della prestazione;
• l’ora di inizio e di fine della prestazione.

2) per gli imprenditori agricoli entro lo stesso termine di 60 minuti prima della prestazione indicando:
• i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore;
• il luogo della prestazione;
• la durata della prestazione con riferimento ad un arco temporale non superiore a 3 giorni.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1255 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

COMPONENTISTICA AUTO

Le ricadute occupazionali della vicenda Volkswagen non possono non preoccupare le aziende italiane, secondo il segretario della Fiom Maurizio Landini. “Ciò perchè – spiega il sindacalista – quasi la metà

INPS: DATI DISOCCUPAZIONE

Calo significativo anche a marzo per le richieste di indennità di disoccupazione: nel mese – secondo i dati appena pubblicati dall’Inps – le richieste di Aspi,Naspi, mobilità e disoccupazione sono

IN VISTA ESUBERI BANCARI

Per l’occupazione nel comparto bancario non è prevedibile un trend di crescita, anche perché è legittimo aspetttarsi esuberi dalle fusioni cui si va incontro.Secondo l’Abi, vi sono alcune questioni aperte,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento