Lavoro accessorio: chiarimenti da parte dell'INL

lavoro_accessorioL’Ispettorato nazionale del Lavoro, ha emanato la circolare n. 1 del 17 ottobre 2016, con la quale fornisce alcuni chiarimenti in merito alla comunicazione prevista dal Decreto Legislativo n. 185/2016. Al fine dell’adempimento previsto dall’art. 49 del Decreto Legislativo n. 81/2016, il committente dovrà, entro 60 minuti prima dell’inizio della prestazione di lavoro, inviare una e-mail al competente Ispettorato del lavoro, tramite l’indirizzo di posta elettronica creata appositamente.

Le e-mail dovranno essere prive di qualsiasi allegato e dovranno riportare i dati del committente e quelli relativi alla prestazione di lavoro accessorio sopra indicati. La comunicazione in questione andrà effettuata:
1) per gli imprenditori non agricoli e per i professionisti, almeno 60 minuti prima dell’inizio della prestazione e dovrà riguardare ogni singolo lavoratore che sarà impegnato in prestazioni di lavoro accessorio e dovrà indicare:
• i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore;
• il luogo della prestazione;
• il giorno di inizio della prestazione;
• l’ora di inizio e di fine della prestazione.

2) per gli imprenditori agricoli entro lo stesso termine di 60 minuti prima della prestazione indicando:
• i dati anagrafici o il codice fiscale del lavoratore;
• il luogo della prestazione;
• la durata della prestazione con riferimento ad un arco temporale non superiore a 3 giorni.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1255 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Decreto Dignità: la relazione tecnica prevede 80 mila posti in meno in 10 anni

Il Decreto Dignità è stato pubblicato da pochi giorni in Gazzetta Ufficiale e già solleva un polverone di polemiche all’interno del governo e anche con l’opposizione. Secondo i calcoli inseriti

Lavoro: occupazioni giovanile deve passare per la formazione e la decontribuzione strutturale

Il dilemma del lavoro giovanile che manca nel nostro Paese è diventato un problema di una generazione intera. Non solo un problema personale, ma anche un problema sociale ed economico

BOOM AGENZIE DEL LAVORO

Buone performance delle agenzie per il lavoro.  338 mila rapporti attivati ogni mese, una rilevante parte dei quali riguarda contratti a tempo indeterminato, oltre 22mila fino ad agosto. E’ quanto

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento