È possibile che il CPI attivi un tirocinio per coprire l’obbligo dei disabili previsto dalla L.68/1999?

È possibile che il CPI attivi un tirocinio per coprire l’obbligo dei disabili previsto dalla L.68/1999?
image_pdfimage_print

 

Il tirocinio è attivabile ai sensi dell’art. 11, comma 2, della legge n. 68/1999. Ciò significa che va fatta una convenzione tra la ditta ed il servizio disabili del Centro per l’Impiego. Il tirocinio con contenuti di inserimento formativo, non è rapporto di lavoro subordinato ma consente, da subito, la copertura dell’aliquota d’obbligo.

E’ finalizzato all’assunzione e la sua durata massima è di 12 mesi, rinnovabile, a determinate condizioni, per altri 12. Non trattandosi di rapporto di lavoro subordinato, non è dovuta una retribuzione e una relativa contribuzione.

Gli unici costi per il datore di lavoro sono:

  • stipula di una assicurazione INAIL ed una assicurazione civile per responsabilità conto terzi;
  • pagamento, al disabile, di una c.d. “indennità di partecipazione”, che varia da Regione a Regione.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 479 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

A quanto ammonta il danno che causa un lavoratore, dimettendosi durante un rapporto a tempo determinato?

  Non esiste una norma che definisce il “danno” per l’azienda in caso di recesso anticipato ed unilaterale del lavoratore di un rapporto di lavoro a termine. Teoricamente dovrebbe essere

Sono un consulente del lavoro e vorrei sapere se possiamo equiparare chi si “unisce civilmente” con i coniugi.

La norma che ha creato le unioni civili (Legge 76/2016) prevede che in tutte le occasioni (es. leggi, regolamenti e contratti collettivi) ove è presente la parola «coniuge», « coniugi

È obbligatorio il periodo di preavviso, in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo?

Il lavoratore può essere dispensato dal periodo di preavviso. In questo caso, però, il datore di lavoro è tenuto a corrispondere l’indennità sostitutiva del preavviso che è pari alla retribuzione

2 Commenti

  1. TERESA
    ottobre 25, 17:32 Reply

    Buonasera, data la poca chiarezza della normativa a suo avviso è fattibile l’assunzione di un dirigente / categoria protetta a copertura del quorum obbligatorio di legge?
    Ci sono contrastanti orientamenti e non è prevista una normativa chiara.
    Grazir Teresa

    • Roberto
      ottobre 25, 18:23 Reply

      Ritengo che sia possibile, in quanto trattasi di lavoratore subordinato a tutti gli effetti.

Lascia un commento