Isnet: investire sull'impresa sociale conviene

image_pdfimage_print

breaking_newsL’Osservatorio Isnet sulle imprese sociali ha rilevato che in Italia investire sull’impresa sociale conviene: a fronte di ogni euro investito il ritorno sociale vale il doppio. In Italia su un totale di 14.342 cooperative sociali quelle di inserimento lavorativo (tipologia B e A+B), sono complessivamente 5.173 e occupano 67.134 soggetti svantaggiati. Tali cooperative, per garantire i fini istituzionali, svolgono diverse attività economiche, per cui sono imprese a tutti gli effetti, ma generano anche un valore sociale.
L’impatto sociale, ovvero il ritorno sociale dell’investimento, è stato misurato dall’associazione Isnet, nell’ambito del proprio Osservatorio nazionale sulle imprese sociali. Dall’analisi risulta che, nel 2016, le cooperative sociali di tipo B hanno generato un impatto sociale stimato in 716 milioni di euro, a fronte di poco meno di 374 milioni di euro investiti dagli stakeholders coinvolti (pubblica amministrazione e le stesse cooperative sociali in primis). Per 1 euro investito per l’inserimento lavorativo di un soggetto svantaggiato, sono stati ottenuti risultati pari a 1,92 euro.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

L'ORÉAL: STAGE PER MARKETING MAKE UP – L'ORÉAL LUXE

L’Oréal , leader mondiale del mercato cosmetico con 72.600 dipendenti di 100 nazionalità diverse offre progetti formativi di stage all’interno della Direzione Marketing della Divisione Luxe. Con lo Stage Marketing

Ispettorato Nazionale del lavoro: online il nuovo sito internet

È stato presentato, in data 1° dicembre 2016, il sito del nuovo Ispettorato Nazionale del lavoro (INL), l’agenzia unica per le ispezioni del lavoro istituita dal Decreto Legislativo n.149/2015. Il

VW: L’OCCUPAZIONE NON SI TOCCA

Non ci sono ancora conseguenze sui posti di lavoro in Volkswagen, dopo la scandalo scoppiato nelle settimane scorse. Lo sostiene Bernd Osterloh, capo del consiglio di fabbrica dell’azienda automobilistica tedesca,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento