Ministero dell’Interno: Permesso di soggiorno e liste di collocamento

breaking_newsIl Dipartimento della Pubblica Sicurezza-Direzione Centrale dell’Immigrazione e della Polizia delle Frontiere, del Ministero dell’Interno, attraverso la circolare prot. n. 40579, ha fornito chiarimenti per la corretta applicazione dell’articolo 22, comma 11, del D.Lgs. n. 286/1998 in merito al rinnovo del Permesso di soggiorno per gli stranieri in attesa di occupazione.
Il lavoratore straniero in possesso del permesso di soggiorno per lavoro subordinato che perde il posto di lavoro, anche per dimissioni, può essere iscritto nelle liste di collocamento per il periodo di residua validità del permesso di soggiorno, e per un periodo non inferiore ad un anno ovvero per tutto il periodo di durata della prestazione di sostegno al reddito percepita dal lavoratore straniero a meno che non si tratti di permesso di soggiorno per lavoro stagionale.
La norma, nel prevedere un termine di validità minima del permesso di soggiorno per attesa occupazione, non pone limiti all’eventuale rinnovo del titolo autorizzatorio conferito rendendo possibile, da parte dell’interessato, anche il successivo rinnovo nelle annualità successive alla prima concessione.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1255 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Pensione prima dei 67 anni: possibile slittamento al 2019

Il presidente della Commissione Lavoro alla Camera dei Deputati, Cesare Damiano, torna a parlare della possibilità di innalzamento dell’età pensionabile, che potrebbe slittare da 66 anni e 7 mesi direttamente a 67

TUTELE SOMMINISTRATI

Rafforzare le tutele dei giovani lavoratori somministrati impegnati nel settore agroalimentare. Firmato un protocollo tra la Felsa, che si rivolge ai giovani, e la Fai, per accompagnare il lavoratore somministrato

SINDACATI SU EQUITALIA

I sindacati del credito Fabi, First Cisl, Cgil, Ugl Credito e Uilca hanno scritto una lettera aperta al presidente del Consiglio, Matteo Renzi, dopo le sue dichiarazioni su Equitalia e

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento