Cassazione: licenziamento collettivo e reintegra

image_pdfimage_print

licenziamento collettivoCon la sentenza n. 19320/2016, la Corte di Cassazione ha stabilito che, in caso di licenziamento collettivo, al lavoratore va riconosciuta solo l’indennità risarcitoria e non la reintegra, nel caso in cui il datore di lavoro all’avvio della mobilità non spieghi come valorizza il criterio dell’anzianità nel punteggio necessario per l’individuazione dei dipendenti da estromettere e di quelli da salvare.
Inoltre si specifica che la tutela reale, prevista dalla legge in caso di violazione dei criteri di scelta dei lavoratori, non si estende alla violazione delle procedure, come invece accade nell’ipotesi in cui l’azienda non specifica l’applicazione del criterio delle esigenze produttive sotteso al licenziamento.
I giudici della Suprema Corte hanno evidenziato come tale  comunicazione (di cui all’art. 4, comma 9, della Legge n. 223 del 1991) ha lo scopo di consentire ai lavoratori interessati, alle organizzazioni sindacali e agli organi amministrativi di controllare la correttezza dell’operazione e la rispondenza agli accordi raggiunti; le ragioni del recesso devono essere chiare, non consentendo al datore di lavoro di dedurre in giudizio ex post l’applicazione di modalità della scelta diverse da quelle risultanti dalla citata comunicazione.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Licenziamento ed obbligo di repechage ( Tribunale di Roma )

Con sentenza n. 8472 del 22 settembre 2014, il Tribunale di Roma ha affermato che il licenziamento per giustificato motivo è illegittimo, con pagamento dell’indennità risarcitoria, in tutte quelle ipotesi in

Ministero del Lavoro : intensificati i controlli per la verifica sulla genuinità delle tipologie contrattuali flessibili

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, in un comunicato pubblicato sul proprio sito internet, ha infatti deciso di rafforzare, nell’ambito delle iniziative di contrasto al lavoro irregolare, i

Cir.88 – agevolazioni per la frequenza di asili nido – istruzioni per la domanda telematica [INPS]

L’Inps, con la circolare n. 88 del 22 maggio 2017, fornisce le istruzioni operative per la presentazione della domanda telematica per le agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento