fbpx

Lavoro accessorio: il correttivo Jobs Act non cambia i requisiti

Col decreto legislativo recante disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi 15 giugno 2015, n. 81 e 14 settembre 2015, numeri 148, 149, 150 e 151, ai sensi dell’articolo 1, comma 13, della legge 10 dicembre 2014, n. 183 sono state apportate importanti modifiche alla disciplina relativa al lavoro accessorio. Le modifiche riguardano soprattutto le modalità di comunicazione dei dati del prestatore e della prestazione.

Il decreto correttivo del Jobs Act, invece, non ha apportato nessun cambiamento per quanto riguarda i requisiti di tale pratica: il legislatore ha individuato il limite economico annuo per i compensi percepiti dal prestatore e per le varie tipologie di committenti (imprenditori, professionisti e privati) che si avvalgono di prestatori di lavoro accessorio.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1360 posts

Area comunicazione | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

INPS: Osservatorio sul precariato con i dati di agosto 2019

L’INPS ha pubblicato, in data 17 ottobre 2019, i dati di agosto 2019 dell’Osservatorio sul precariato. Nei primi otto mesi del 2019, nel settore privato complessivamente le assunzioni sono state 4.904.554. Rispetto allo

Agenzia Entrate: detassazione – welfare aziendale con obiettivi individuali

La Direzione Regionale della Lombardia dell’ Agenzia delle Entrate, con l’interpello n. 904-791/2017 del 28 luglio 2017, risponde ad un quesito in merito alla possibilità di collegare un piano welfare

Fondo di solidarietà bilaterale – Tutela in caso di riduzione o sopensione dell’attività lavorativa

Fondo di solidarietà bilaterale per dipendenti Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 53 del 2 marzo 2020, il Decreto Ministeriale n. 104125

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento