Lavoro accessorio: il correttivo Jobs Act non cambia i requisiti

Col decreto legislativo recante disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi 15 giugno 2015, n. 81 e 14 settembre 2015, numeri 148, 149, 150 e 151, ai sensi dell’articolo 1, comma 13, della legge 10 dicembre 2014, n. 183 sono state apportate importanti modifiche alla disciplina relativa al lavoro accessorio. Le modifiche riguardano soprattutto le modalità di comunicazione dei dati del prestatore e della prestazione.

Il decreto correttivo del Jobs Act, invece, non ha apportato nessun cambiamento per quanto riguarda i requisiti di tale pratica: il legislatore ha individuato il limite economico annuo per i compensi percepiti dal prestatore e per le varie tipologie di committenti (imprenditori, professionisti e privati) che si avvalgono di prestatori di lavoro accessorio.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1255 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

INPS: modalità di invio delle domande SIA (sostegno all’inclusione attiva)

Arrivano nuove precisazione da parte dell’’Inps riguardo le modalità di invio delle domande da parte dei Comuni, della SIA (sostegno all’inclusione attiva) Attraverso il messaggio n. 3451 del 30 agosto

Renzi Act: “meno tasse” dal 1° maggio e varate le misure per semplificare il mercato del lavoro

Si ritorna a parlare di Jobs act, il piano per il lavoro di Matteo Renzi che è stato suo cavallo di battaglia negli ultimi mesi. E adesso che Renzi si

Prospetto informativo disabili: obblighi e assistenza per le nuove assunzioni

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, di concerto con l’ANPAL, ha emanato la nota n. 41/454 del 23 gennaio 2017, con la quale fornisce alcuni chiarimenti in ordine

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento