Periodo di comporto: specifica sui giorni in caso di licenziamento

image_pdfimage_print

Con la sentenza n. 18196 del 16 settembre 2016, la Corte di Cassazione ha affermato l’illegittimità di un licenziamento comminato per superamento del periodo di comporto dove non sia possibile, da parte del lavoratore, una verifica sui giorni di assenza per malattia che hanno portato a detto superamento.

I giudici della Suprema Corte hanno evidenziato che se richiesto dal lavoratore, è d’obbligo da parte del datore di lavoro, comunicare i giorni di assenza per malattia che hanno portato al superamento del periodo di conservazione del posto di lavoro, soprattutto nel caso tale superamento sia avvenuto per sommatoria di più periodi di malattia nell’arco di tempo contrattualmente previsto.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 295 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

CGIL: 5 EURO PER CONTRATTI PUBBLICI

“I soldi per i contratti pubblici sono 200 milioni, neanche 300: il valore del lavoro pubblico per questo governo equivale a 5 euro al mese”. È la critica del leader

PADOAN, RIDOTTI DI 3 ANNI TEMPI CREDITI

Gli interventi sulle procedure concorsuali “dal 2015 in poi hanno un impatto sul recupero crediti che stime indipendenti valutano in tre anni di riduzione sui tempi medi”. Così il ministro

CALDERONE (CUP): "FARE SISTEMA TRA PROFESSIONISTI SULLA FORMAZIONE"

“Dobbiamo imparare a fare sistema, favorendo le sinergie nella formazione. Abbiamo la necessità di lavorare affinchè la formazione continua sia sempre più qualificata, e per puntare al reciproco riconoscimento dei

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento