Cassazione: licenziamento e ridistribuzione delle mansioni

La Corte di Cassazione ha ritenuto legittimo il licenziamento per giustificato motivo oggettivo operato dal datore di lavoro che, ad esito di un processo di riorganizzazione tecnico-produttiva, anziché sopprimere il posto di lavoro, redistribuisca le mansioni tra gli altri dipendenti in forza alla sua attività. Il caso riguarda il licenziamento intimato da una società immobiliare a seguito della chiusura della sede presso la quale il lavoratore svolgeva l’attività, con attribuzione ripartita delle mansioni svolte tra i dipendenti di un’altra sede aziendale.

Attraverso la sentenza n. 19185 del 28 settembre 2016, la Cassazione ha sancito la legittimità della condotta del datore di lavoro che decide di ripartire le mansioni di un lavoratore licenziato tra gli altri dipendenti rimasti in servizio. Si tratta di una facoltà che rientra tra le attribuzioni proprie dell’azienda finalizzata ad una più economica ed efficiente gestione aziendale, ed è quindi possibile procedere al licenziamento per soppressione del posto di lavoro.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1278 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ministero del Lavoro: cir. 17/2017 – il concetto di quinquennio e biennio mobile e relative modalità di calcolo

La Direzione generale degli ammortizzatori sociali e incentivi all’occupazione, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha emanato la circolare n. 17 del 8 novembre 2017, con la quale

Cir.88 – agevolazioni per la frequenza di asili nido – istruzioni per la domanda telematica [INPS]

L’Inps, con la circolare n. 88 del 22 maggio 2017, fornisce le istruzioni operative per la presentazione della domanda telematica per le agevolazioni per la frequenza di asili nido pubblici e

Cassazione: concordato preventivo ed occultamento dell’attivo

Con sentenza n. 14552 del 26 giugno 2014, la Corte di Cassazione ha affermato che l’occultamento o la dissimulazione dell’attivo da parte di una società determina sempre la revoca dell’ammissione al concordato preventivo.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento