Pensioni di reversibilità: chiarimenti dell'Inps

image_pdfimage_print

InpsL’Inps con un comunicato ha fatto chiarimento su alcune notizie di stampa diffuse in questi giorni riguardo i redditi da dichiarare per il calcolo delle pensioni di reversibilità, precisando che non è intervenuta alcuna modifica nel calcolo dell’importo della pensione (disciplinato dalla legge numero 335 dell’8 agosto 1995) e che, quindi, per determinarne l’importo si continua a tenere conto unicamente dei redditi assoggettabili all’Irpef.
Diversamente da quanto scritto nel testo, non sono considerati ai fini del calcolo sia gli interessi bancari, postali, dei Bot, dei Cct e dei titoli di Stato, proventi di quote di investimento, soggetti a ritenuta d’acconto alla fonte a titolo d’imposta o a imposta sostitutiva dell’Irpef, sia gli arretrati di lavoro dipendente prestato in Italia e all’estero.

Sull' autore

Redazione web
Redazione web 1254 posts

Area IT : web content & social | #JoL Project - Generazione vincente S.p.A.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Ragioneria dello Stato: pensione a 67 anni o a rischio il sistema

La Ragioneria dello Stato mostra una certa inquietudine rispetto allo stop dell’aumento dell’età pensionabile. Secondo un rapporto sulle tendenze di medio-lungo periodo del sistema si rischia il crac. Nel rapporto

GARANZIA GIOVANI: DATI MARZO

Continua a crescere il numero dei giovani presi in carico e quello dei giovani ai quali è stata offerta un’opportunità concreta tra quelle previste dal programma Garanzia Giovani. Al 31

ISTAT: DISOCCUPAZIONE MARZO GIÙ A 11,4%

Il tasso di disoccupazione a marzo scende all’11,4%, livello minimo dal dicembre del 2012. Lo rileva l’Istat, spiegando che rispetto a febbraio si registra un calo di 0,3 punti percentuali,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento