Patto di prova: illegittimità del licenziamento

stockvault-law137273Nel caso di licenziamento per mancato superamento del periodo di prova, una volta accertata la nullità di tale clausola – perché il lavoratore era stato già testato a sufficienza con diversi contratti a termine -, la tutela reale o obbligatoria dipende dalle dimensioni dell’azienda, che spetta al datore provare. È ciò che ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza n. 17921 del 12 settembre 2016 accogliendo il ricorso proposto da un centro di formazione professionale.

I giudici della Suprema Corte hanno stabilito la nullità del patto di prova poiché la valutazione delle attitudini e della qualità professionale del dipendente era già avvenuta durante lo svolgimento di un precedente contratto di lavoro; nel caso specifico di una collaborazione a progetto.

Inoltre, la Corte ha stabilito che la nullità del periodo di prova, in un’azienda in tutela obbligatoria (fino a 15 dipendenti), impone esclusivamente la tutela risarcitoria e non anche quella reintegratoria.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 330 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Garante privacy: la fatturazione elettronica va cambiata

Il Garante per la protezione dei dati personali ha avvertito l’Agenzia delle entrate che il nuovo obbligo della fatturazione elettronica, così come è stato regolato dall’Agenzia delle entrate, “presenta rilevanti

Licenziamento collettivo illegittimo per un disabile [Cassazione]

Con sentenza n. 26029 del 15 ottobre 2019, la Corte di Cassazione, confermando la sentenza della Corte di Appello di Roma, ha affermato che sulla base della previsione contenuta nell’art. 10 della legge n.

Decreto legislativo n. 39/2014 : nuovi adempimenti per molti datori di lavoro

E’ passata, un po’ in silenzio (almeno per chi, quotidianamente, segue la materia del lavoro), la pubblicazione in  Gazzetta Ufficiale del Decreto legislativo n. 39/2014 , il quale, dando attuazione

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento