Patto di prova: illegittimità del licenziamento

stockvault-law137273Nel caso di licenziamento per mancato superamento del periodo di prova, una volta accertata la nullità di tale clausola – perché il lavoratore era stato già testato a sufficienza con diversi contratti a termine -, la tutela reale o obbligatoria dipende dalle dimensioni dell’azienda, che spetta al datore provare. È ciò che ha stabilito la Corte di cassazione, con la sentenza n. 17921 del 12 settembre 2016 accogliendo il ricorso proposto da un centro di formazione professionale.

I giudici della Suprema Corte hanno stabilito la nullità del patto di prova poiché la valutazione delle attitudini e della qualità professionale del dipendente era già avvenuta durante lo svolgimento di un precedente contratto di lavoro; nel caso specifico di una collaborazione a progetto.

Inoltre, la Corte ha stabilito che la nullità del periodo di prova, in un’azienda in tutela obbligatoria (fino a 15 dipendenti), impone esclusivamente la tutela risarcitoria e non anche quella reintegratoria.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 345 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Fondo di solidarietà: l'Inps fornisce tutte le istruzioni

L’Inps, con la circolare n. 213 del 2 dicembre 2016, fornisce tutte le istruzioni amministrative, operative e contabili alle richieste e alla fruizione a conguaglio delle prestazioni garantite del Fondo

La qualificazione del compenso dipende dall’effettiva volontà delle parti [Cassazione]

Con la sentenza n. 16 del 7 gennaio 2015, la Corte di Cassazione ha affermato come, ai fini della corretta qualificazione delle somme riconosciute ai lavoratori, debba essere sempre fatta una valutazione in merito all’effettiva

Impugnazione del licenziamento – 60 gg anche per il dirigente [cassazione]

Con sentenza n. 22627 del 5 novembre 2015 la Corte di Cassazione ha affermato che il termine per impugnare un licenziamento è di 60 giorni anche nel caso si tratti

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento