La nostra azienda supera il tetto del 20% di contratti a tempo determinato. i contratti instaurati a tempo determinato sono stati stipulati prima dell’entrata in vigore della legge. possiamo prorogarli anche se superiamo il tetto del 20%? possiamo fino al limite dei 36 mesi o fino al 31.12. , data in cui la nostra azienda sarebbe tenuta a rientrare?

image_pdfimage_print

La legge fa salvi i contratti stipulati prima della vigenza del decreto legge 34/2014 così come convertito dalla legge 78/2014, per ciò ritengo che non vi siano problemi per quanto riguarda la proroga che, comunque, dovrà essere una soltanto, rispettando le regole previste dalla normativa in essere al momento dell’assunzione.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 421 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

2 Commenti

  1. Dott. Bruno Olivieri
    giugno 27, 13:21 Reply

    Buongiorno, in riferimento all’argomento in questione, la normativa riporta che per effetto della disciplina transitoria (articolo 2-bis) si prevede che per i datori che alla data di entrata in vigore del decreto-legge occupino lavoratori a termine oltre tale soglia, l’obbligo di adeguamento al tetto legale del 20% scatta a decorrere dal 2015.
    Considerando che nel quesito si parla di proroga, quindi di una scadenza del termine naturale del rapporto a termine originario, la predetta scadenza non si configura come la prima scadenza utile e perentoria per adeguarsi ad un obbligo che, alternativamente, il Legislatore avrebbe fissato con decorrenza 01/01/2015?

    Ringrazio anticipatamente della risposta.
    Dott. Bruno Olivieri

    • Redazione
      giugno 30, 10:15 Reply

      La disposizione relativa all’adeguamento alla percentuale del 20% riguarda quelle imprese che! non avendo il loro CCNL disciplinato la materia, hanno, alla data di entrata in vigore delle nuove disposizioni, una percentuale di lavoratori in forza superiore al 20%. Queste aziende debbono rientrare nella percentuale entro il 31 dicembre 2014: se non lo fanno non possono assumere altri lavoratori a termine (peraltro, le disposizioni transitorie non consentono l’applicazione della sanzione amministrativa, atteso che prima la norma percentuale non era prevista per legge e che, in ogni caso, si tratta di contratti stipulati con la vecchia normativa).
      Possono, tuttavia, essere stipulati accordi collettivi( nel silenzio della norma, anche di secondo livello) in base ai quali si può spostare in avanti la data dell’adempimento o, in alternativa, lasciando la stessa data, prevedere una percentuale diversa.
      Saluti
      Roberto Camera

Lascia un commento