Arriva il modello 730 “Anti-crisi”

image_pdfimage_print

L’art. 51-bis, Decreto del “Fare”, introdotto in sede di conversione, apporta alcune modifiche alla possibilità di utilizzo della dichiarazione semplificata (modello 730) per i lavoratori dipendenti ed assimilati, consentendo anche ai disoccupati e alle colf di accedere a tale opportunità, anche se al momento del conguaglio IRPEF tali soggetti si trovano nella situazione di non avere alcun sostituto d’imposta.

Dal 2014 il 730 apre le porte a tutti i lavoratori dipendenti sprovvisti di un sostituto di’imposta. È questa una delle grandi novità introdotte con i nuovi modelli ufficializzati e pubblicati la settimana scorsa sul sito dell’Agenzia delle Entrate. In pratica, la regola che nel 2013 ha permesso di utilizzare il “730 ai soli (ex) lavoratori dipendenti con situazioni contabili a credito (relative al 2012), viene allargata a tutti coloro i quali, nell’anno cui si riferisce la dichiarazione (in questo caso il 2013), hanno percepito redditi da lavoro dipendente e/o assimilati, a prescindere da quale sia l’esito contabile della dichiarazione, e che, al momento della consegna della dichiarazione stessa, si ritrovano senza un sostituto d’imposta che possa effettuare le operazioni di conguaglio.

Chi dunque nel 2014, o anche nel 2013, ha perso il lavoro, potrà comunque presentare il modello 730 in qualità di titolare di redditi da lavoro dipendente per tutta la durata o solo una parte del 2013.

La dichiarazione va presentata ai CAF dipendenti e agli altri soggetti che possono prestare l’assistenza fiscale (consulenti del lavoro e dottori commercialisti).

Se dalle dichiarazioni presentate emerge un “debito”, il soggetto che presta l’assistenza fiscale:

1) trasmette telematicamente la delega di versamento utilizzando i servizi telematici resi disponibili dall’Agenzia delle Entrate;
2) consegnerà entro il decimo giorno antecedente la scadenza del termine di pagamento, il Mod. F24 compilato al contribuente perché provveda al pagamento presso gli sportelli delle poste o delle banche.

Qualora l’esito della dichiarazione sia a “credito”, sarà la stessa Agenzia delle Entrate a provvedere al rimborso, con la prospettiva di tempi più ristretti rispetto a quelli che devono attendere i contribuenti di Unico.

La scadenza per la presentazione della dichiarazione è prevista per il 3 giugno 2014 (il termine originario del 31 maggio viene prorogato in quanto cade di sabato).

Riferimenti normativi:

– D.L. 21 giugno 2013, n. 69, convertito dalla legge 9 agosto 2013, n. 98, art. 51bis

– Agenzia delle Entrate, Provvedimento 15 gennaio 2014

a cura di : Marialuisa Santoro (consulente del lavoro generazione vincente Spa)

Sull' autore

Marialuisa Santoro
Marialuisa Santoro 23 posts

Consulente del lavovo Generazione vincente Spa http://generazionevincente.it/

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Legge di stabilità 2016 : il nuovo esonero contributivo triennale

  Il testo del nuovo esonero contributivo relativo alle assunzioni a tempo indeterminato stipulabili nel 2016, così come approvato dal Senato nella seduta n. 540 del 20 novembre 2015. Disegno

Vietati i controlli indiscriminati su e-mail e smartphone aziendali [Garante privacy]

Il Garante per la protezione dei dati personali ha pubblicato la Newsletter n. 424 del 17 febbraio 2017, con la quale, tra le altre cose, ha ribadito che l’accesso  in

Ministero del Lavoro: cir.19 – esonero pagamento quote di accantonamento del TFR e pagamento contributo licenziamento

La Direzione Generale degli Ammortizzatori sociali e della formazione, del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha emanato la circolare n. 19 del 11 dicembre 2018, con il quale fornisce i chiarimenti sulle

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento