INPS: DATI CONTRATTI STABILI

image_pdfimage_print

inpsNei primi sette mesi del 2016 sono stati stipulati 972.946 contratti a tempo indeterminato (comprese se le trasformazioni di contratti a termine e di apprendistato) a fronte di 896.622 cessazioni di contratti stabili con un saldo positivo per 76.324 unità. Il dato diffuso oggi dall’Inps è peggiore dell’83,5% rispetto a quello dello stesso periodo del 2015 (quando l’incentivo per i contratti stabili era più alto) ma anche del dato riferito al 2014 quando non c’erano sgravi. Nei primi sette mesi del 2016 sono stati stipulati 298.327 contratti a tempo indeterminato con gli sgravi contributivi previsti dalla legge di stabilità (il 40% dei contributi). Si tratta del 32,3% dei contratti rispetto al totale delle assunzioni e trasformazioni a tempo indeterminato.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

BANKITALIA. OCCUPAZIONE IN RIPRESA

L’aumento dell’occupazione dipendente a inizio 2015 è legato alle misure del governo: un terzo al Jobs act e due terzi agli sgravi contributivi per le assunzioni stabili. Lo sottolinea Bankitalia,nel

Mercato Auto: nel 2016 crescita del +15,8%

Il mercato italiano dell’auto ha chiuso il 2016 con una crescita del 15,8% rispetto all’anno precedente: le immatricolazioni – secondo i dati del ministero dei Trasporti – sono state 1.824.968.

Meeting giovani consulenti del lavoro

Nel Sud dell’Italia il lavoro è ancora una criticità che ha bisogno di una soluzione. Questo è l’allarme lanciato dai giovani consulenti del lavoro delle regioni del Mezzogiorno d’Italia. Le

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento