fbpx

COLDIRETTI: IMPATTO TERREMOTO SU POSTI LAVORO IN CAMPAGNA

coldirettiSono 3.300 i posti di lavoro a rischio nelle campagne nei territori dei 17 comuni che hanno subito danni strutturali gravi si contraddistinguono per un’elevata densità di aziende agricole che sono oltre 7 ogni 100 abitanti, rispetto alla media nazionale di 2,7%. E’ quanto emerge dal primo bilancio dei danni elaborato dalla Coldiretti nelle campagne di Amatrice dove entro un mese dalle prime scosse è stato consegnato il primo modulo abitativo agricolo all’azienda Cavezzi Valeria gravemente colpita dal sisma con la morte del figlio di 13 anni e la perdita di casa e stalla nella frazione di Roccapassa di Amatrice e inaugurato nella frazione di Sommati la grande tensostruttura della Coldiretti da utilizzare come ‘maxicambusa’ per i mangimi necessari per garantire l’alimentazione degli animali durante l’inverno nelle aree del sisma.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1144 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

RICHIESTI LAVORI GREEN JOBS

Per chi cerca un lavoro, buone notizie dal mondo dei green jobs. Secondo il Rapporto GreenItaly, le figure professionali più richieste  sono: installatore di impianti termici a basso impatto, ingegnere

BOBBA E GOZI, PROGETTO CON FRANCIA PER SERVIZIO CIVILE

“Vogliamo un’Europa della cittadinanza europea, delle opportunità e dei progetti concreti. Per questo, con la Francia, lanciamo un progetto sperimentale per la mobilità dei giovani del servizio civile, basato sulla

CODING RICHIESTO PER LAVORARE

Il “coding“, la programmazione di computer, è una delle referenze più richieste nel mondo del lavoro. Dopo Obama, che si è prodigato per diffondere la cultura dell’insegnamento di questa materia

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento

Indirizzo E-mail già esistente.