Somministrazione irregolare: atto di recesso verso il committente

image_pdfimage_print

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 17969 del 13 settembre 2016, ha chiarito che nel caso in cui un appalto venga disconosciuto e si ravvisi una somministrazione irregolare, tutti gli atti di gestione sostenuti dall’appaltatore si intendono svolti da chi ha utilizzato la prestazione.

Nello specifico, in caso di riqualificazione di un contratto di appalto come somministrazione irregolare di manodopera, tutti gli atti di gestione compiuti dall’appaltatore illecito si ripercuotono sul soggetto che in concreto ha utilizzato la prestazione lavorativa. In tal modo l’eventuale impugnazione stragiudiziale dell’atto di recesso intimato dal somministratore deve essere proposta, a pena di decadenza, contro il committente che agisce di fatto come datore di lavoro.

Ricordando, infatti, che il soggetto che utilizza le prestazioni di un dipendente somministrato, a prescindere dalla regolarità o illiceità del contratto, subentra attivamente e passivamente in tutti gli atti di gestione compiuti dal somministratore, ne consegue che il licenziamento deve essere impugnato in via stragiudiziale nei confronti dell’utilizzatore effettivo della prestazione lavorativa entro gli ordinari termini di legge pari a 60 giorni dal ricevimento della comunicazione del recesso.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 269 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Governo: pubblicato il Decreto Legge con le misure urgenti in materia finanziaria

Il Consiglio dei ministri ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 242 del 16 ottobre 2017, il Decreto Legge 16 ottobre 2017, n. 148, con le disposizioni urgenti in materia finanziaria

Cassazione: utilizzo dell’auto propria ed infortunio “in itinere”

La  Cassazione, con sentenza n. 22154 del20 ottobre 2014, ha affermato che non può essere considerato infortunio “in itinere”, e come tale risarcito, l’infortunio occorso ad un lavoratore mentre utilizzava la propria vettura non considerata necessaria.

Corte Europea di Giustizia: periodo di maternità e status di “lavoratrice”

La Corte Europea di Giustizia, con sentenza n. C-507/12 del 19 giugno 2014, ha affermato che può conservare lo status di «lavoratrice» la donna che smette di lavorare o di cercare

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento