COMMERCIALISTI, STOP ANATOCISMO TRIBUTARIO

image_pdfimage_print

fisco“I commercialisti dicono stop all’anatocismo tributario. Sul tema stiamo facendo passi avanti interessanti. Fino a poco tempo fa le cartelle esattoriali venivano aumentate col calcolo degli interessi di mora sulle sanzioni: abbiamo proposto e ottenuto un provvedimento di legge che rendesse illegittimo questo anatocismo. Ma il tema riguarda anche il discorso dei ruoli, riteniamo che attualmente il metodo di calcolo dell’aggio esattoriale sia illegittimo in quanto calcolato sul totale dell’iscrizione al ruolo e non sia in linea con i costi sostenuti dall’esattoria per riscuotere. Un ruolo di un milione di euro non ha costi superiori a una cartella di mille euro: è un caso di incostituzionalità della norma che ci attendiamo venga modificata”. Lo ha detto Luigi Mandolesi, consigliere nazionale dei commercialisti italiani con delega alla fiscalità, nel corso del forum ‘Funzioni e attività del Ctu nel processo civile’, promosso dall’Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Napoli, presieduto da Vincenzo Moretta.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

FEDERMANAGER SU FLESSIBILITÀ IN USCITA

“Vediamo di buon grado un intervento che supporti l’uscita anticipata dal lavoro per chi è vicino al pensionamento ma non abbastanza. Pertanto, ci diciamo favorevoli alla proposta Damiano-Baretta, che a

CALZEDONIA ASSUME

Il Gruppo Calzedonia ricerca nuovo personale da inserire come District Manager per le zone di Lombardia, Liguria, Trentino Alto Adige ed Emilia Romagna, per massimizzare i risultati di vendita e la redditività

LOTTA AL SOMMERSO

Gli ispettori del lavoro hanno uno strumento in più per contrastare il caporalato e svolgere attività di vigilanza su specifici settori produttivi. Come spiega il ministero del Lavoro, che annuncia

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento