TERREMOTO: REGIONI COLPITE CHIEDONO INCONTRO A POLETTI SU MISURE LAVORO

image_pdfimage_print

terremotoLe Regioni Marche, Abruzzo, Lazio e Umbria hanno chiesto ufficialmente al ministro del Lavoro e della politiche sociali, Giuliano Poletti, un incontro per discutere delle misure straordinarie necessarie per far fronte ai bisogni dei lavoratori e delle imprese nei territori interessati dal sisma che ha colpito l’Italia centrale lo scorso 24 agosto. “Ci sembra opportuno -spiega l’assessore al Lavoro della Regione Marche, Loretta Bravi- valutare congiuntamente al ministero tutte le azioni che possono essere adottate dalle quattro regioni coinvolte dal sisma a tutela dei lavoratori e delle imprese soprattutto per quanto riguarda i settori del commercio e del turismo, dell’agricoltura e quello delle imprese artigiane e industriali che non hanno acceso agli ammortizzatori sociali ordinari o che li hanno esauriti”.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

OCSE: PREVISIONI PIL

Nel suo Economic Outlook, l’Ocse prevede una crescita all’1% nel 2016 e all’1,4% nel 2017 per il Pil italiano, mantenendo le stime del febbraio scorso, e sottolinea che il principale

CALDERONE (CUP): "FARE SISTEMA TRA PROFESSIONISTI SULLA FORMAZIONE"

“Dobbiamo imparare a fare sistema, favorendo le sinergie nella formazione. Abbiamo la necessità di lavorare affinchè la formazione continua sia sempre più qualificata, e per puntare al reciproco riconoscimento dei

GARANZIA GIOVANI: DATI SETTIMANALI

In salita anche questa settimana il numero di coloro ai quali è stata offerta un’opportunità con il programma Garanzia Giovani. Dati alla mano, secondo una nota del ministero del Lavoro,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento