Cessione di ramo d’azienda: nuova sentenza della Cassazione

image_pdfimage_print

cassazioneCon sentenza n. 17366 del 26 agosto 2016, la Corte di Cassazione ha affermato che, pur dopo le modifiche normative intervenute con il D.L.vo n. 276/2003, perché si possa parlare validamente di cessione di ramo d’azienda occorre che lo stesso sia in grado di svolgere in piena autonomia la propria attività rispetto all’azienda cedente.

Con autonomia si intende la capacità del ramo di svolgere le funzioni che gli sono proprie e che svolgeva prima della vendita, senza continuare a dipendere dal resto dell’azienda che resta in capo al cedente e senza la necessità di integrazioni rilevanti da parte del cessionario.

Non si può quindi parlare di cessione del ramo d’azienda qualora un’azienda ceda a un’altra solo i propri dipendenti con gli strumenti basilari per il lavoro senza invece trasferire anche le infrastrutture tecnologiche necessarie allo svolgimento del servizio, ma affinché possa avvenire la cessione, il ramo deve essere totalmente autonomo.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 295 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Somministrazione : Bonus all’azienda solo se l’assunzione avviene sei mesi dopo il rapporto con l’agenzia [tabella agevolazioni]

L’esonero contributivo previsto dalla legge di stabilità 2015 spetta anche alle agenzie per il lavoro per i contratti di somministrazione, ma ci sono una serie di requisiti da rispettare. E,

Distacco transnazionale di lavoratori: indicazioni operative dall’INL

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro con la circolare n. 1 del 9 gennaio 2017, fornisce, agli organi di vigilanza, indicazioni operative in materia di distacco transnazionale dei lavoratori. La circolare specifica l’ambito applicativo

Contratto a tutele crescenti : testo definitivo

Il Consiglio dei Ministri licenzia la versione definitiva del contratto a tutele crescenti, apportando alcune modifiche alla versione precedentemente pubblicata. Una delle novità, introdotte dal nuovo testo, è l’applicazione delle nuove tutele anche in

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento