fbpx

Cessione di ramo d’azienda: nuova sentenza della Cassazione

cassazioneCon sentenza n. 17366 del 26 agosto 2016, la Corte di Cassazione ha affermato che, pur dopo le modifiche normative intervenute con il D.L.vo n. 276/2003, perché si possa parlare validamente di cessione di ramo d’azienda occorre che lo stesso sia in grado di svolgere in piena autonomia la propria attività rispetto all’azienda cedente.

Con autonomia si intende la capacità del ramo di svolgere le funzioni che gli sono proprie e che svolgeva prima della vendita, senza continuare a dipendere dal resto dell’azienda che resta in capo al cedente e senza la necessità di integrazioni rilevanti da parte del cessionario.

Non si può quindi parlare di cessione del ramo d’azienda qualora un’azienda ceda a un’altra solo i propri dipendenti con gli strumenti basilari per il lavoro senza invece trasferire anche le infrastrutture tecnologiche necessarie allo svolgimento del servizio, ma affinché possa avvenire la cessione, il ramo deve essere totalmente autonomo.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 365 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

INPS: messaggio 4843/2014 – recupero delle quote di TFR dal Fondo di Tesoreria

L’INPS, con il messaggio n. 4843 del 21 maggio 2014, fornisce le istruzioni operative per la compensazione delle quote TFR Fondo di Tesoreria anticipate dal datore di lavoro, da ritenersi valide per il

INPS: circolare n.174 – compatibilità della NASpI con alcune tipologie di lavoro e di reddito

L’INPS, con la circolare n.174 del 23 novembre 2017, fornisce alcune precisazioni in ordine alla compatibilità delle indennità di disoccupazione NASpI,  ASpI e mini ASpI con alcune tipologie di attività lavorativa

Le “ maxi sanzioni ” del 2006 sul lavoro nero sono state bocciate dalla Corte Costituzionale

Con sentenza n. 254 del 13 novembre 2014, la Corte Costituzionale ha ritenuto illegittimo, in quanto contrastante con l’articolo 3 della Costituzione, l’art. 36-bis, c. 7, lett. a), del Decreto Legge

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento