COLDIRETTI SU DANNI AGRICOLTURA TERREMOTO

image_pdfimage_print

coldirettiAmmontano a milioni di euro i danni per il settore agricolo provocati dal sisma di mercoledì notte in un’area in cui “è necessario far ripartire l’attività in un territorio a prevalente economia agricola con una significativa presenza di allevamenti di bovini e pecore”. Le scosse hanno lesionato o distrutto stalle, fienili e casolari, molti macchinari sono inutilizzabili, l’energia elettrica è in tilt, oltre ad animali morti sotto le macerie o dispersi, campi abbandonati, frane e smottamenti e strade rurali distrutte che impediscono la consegna di latte e prodotti deperibili. E lo scenario che emerge da un primo monitoraggio della Coldiretti che sottolinea come “senza agricoltura l’economia di questi territori muore”.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

BOERI: "SPID ESSENZIALE, INPS PORTA IN DOTE 18,5 MLN PERSONE"

“Ho voluto essere presente fin dall’inizio perché noi crediamo che la digitalizzazione sia essenziale per migliorare i rapporti tra pubblica amministrazione e cittadini, anche se non toglierà mai il rapporto

ISFOL SU DATI FORMAZIONE

Nel corso del 2014 il tasso di partecipazione della popolazione adulta (25-64 anni) ad attività educative e formative ha raggiunto in Italia l’8%, pari a 2,6 milioni di persone. Nonostante

BOBBA E GOZI, PROGETTO CON FRANCIA PER SERVIZIO CIVILE

“Vogliamo un’Europa della cittadinanza europea, delle opportunità e dei progetti concreti. Per questo, con la Francia, lanciamo un progetto sperimentale per la mobilità dei giovani del servizio civile, basato sulla

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento