Cassazione: comunicazione estesa per i licenziamenti collettivi

image_pdfimage_print

La Colicenziamentorte di Cassazione, con sentenza n. 17234 del 22 agosto 2016, ha ritenuto illegittimo il licenziamento collettivo di un’impresa che, in assenza della RSU e della RSA, aveva inviato la comunicazione di avvio dell’iter procedurale soltanto agli organismi operanti in ambito comunale, escludendo altre organizzazioni che avevano la propria rappresentanza a livello provinciale e nazionale.

La Suprema Corte ha ritenuto arbitraria tale limitazione “poiché un così circoscritto ambito territoriale non teneva conto della rilevanza quantomeno provinciale delle problematiche afferenti una procedura di mobilità e del sicuro criterio di rappresentatività costituito dalla sottoscrizione di accordi collettivi applicati in azienda, laddove la norma faceva riferimento ad una dimensione nazionale “.

La 17234/2016 risulta essere, inoltre, una delle prime sentenze applicative del “nuovo” articolo 19 dello statuto dei lavoratori, in materia di rappresentatività sindacale, come riscritto dalla sentenza 231/2013 della Corte costituzionale, assumendo così un valore ancora più importante.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 313 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Decreto Legge in materia di Ammortizzatori sociali e Pensioni [Governo]

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, nella seduta n. 64 del 18 maggio 2015, un decreto legge in materia di ammortizzatori sociali e di pensioni che dà, tra l’altro, attuazione alla recente

Ammortizzatori in deroga – i criteri per la concessione delle prestazioni (Min. Lavoro)

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha emanato la circolare n. 19 del 11 settembre 2014,  in applicazione delle disposizioni contenute nel Decreto Interministeriale n. 83473 del 1° agosto 2014 che definisce

Doppia multa se c`è lavoro nero

In caso di evasione di contributi e premi riferiti a lavoratori irregolari, la legge 183/10 prevede che l’importo delle sanzioni civili calcolate in base all’articolo 116, comma 8, lettera b)

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento