GIANNINI SU ASSUNZIONE DOCENTI E ATA

image_pdfimage_print

stefania-gianniniVia libera, ieri, dal Consiglio dei Ministri all’assunzione a tempo indeterminato di 32.419 docenti, di cui 25.198 su posto comune, 7.221 su posto di sostegno. Il Cdm ha dato anche il via libera, sempre per il settore scuola, all’assunzione di 10.294 Ata (Ausiliari, Tecnici e Amministrativi) dalle graduatorie permanenti e sino ad un massimo di altri 507 Ata mediante mobilità del personale delle Province. Saranno infine assunti 285 dirigenti scolastici e 53 educatori. “Continua l’investimento sulla scuola: le assunzioni del personale Ata erano molto attese nel settore. Si tratta di uno sblocco importante che segnala ancora una volta l’attenzione di questo Governo per il mondo dell’istruzione”, sottolinea il Ministro dell’Istruzione Stefania Giannini.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

L'ORÉAL: STAGE PER MARKETING MAKE UP – L'ORÉAL LUXE

L’Oréal , leader mondiale del mercato cosmetico con 72.600 dipendenti di 100 nazionalità diverse offre progetti formativi di stage all’interno della Direzione Marketing della Divisione Luxe. Con lo Stage Marketing

SUDELETTRA SENZA JOB ACT

L’accordo per la ricollocazione di 63 lavoratori della Sudelettra, società appaltatrice dell’Eni, che ha perso la commessa per lavorazioni nell’indotto del polo petrolifero della Val d’Agri, ha previsto il superamento

ISTAT: INDAGINE SU PIL E DISOCCUPAZIONE

Sempre più italiani conoscono l’andamento del pil mentre hanno meno familiarità con l’inflazione e sono più impreparati sulla disoccupazione. E’, in sintesi, quanto emerge dai risultati presentati dall’Istat sulla conoscenza

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento