Posso licenziare una dipendente, sorpresa a rubare dalla cassa del mio negozio, durante il primo anno di matrimonio?

Posso licenziare una dipendente, sorpresa a rubare dalla cassa del mio negozio, durante il primo anno di matrimonio?
image_pdfimage_print

L’articolo 35 del D.L.vo 198/2006 stabilisce che il licenziamento comminato alla dipendente nel periodo intercorrente dal giorno della richiesta delle pubblicazioni di matrimonio, ad un anno dopo la  celebrazione stessa, si presume sia stato disposto proprio per causa di matrimonio, pertanto sono nulli.

Il datore di lavoro ha, però, la facoltà (comma 5, articolo 35) di provare che il licenziamento della lavoratrice, è stato effettuato non a causa di matrimonio, ma per una delle seguenti ipotesi:

  • colpa grave da parte della lavoratrice, costituente giusta causa per la risoluzione del rapporto di lavoro;
  • cessazione dell’attività dell’azienda cui essa è addetta;
  •  ultimazione della prestazione per la quale la lavoratrice  è stata assunta o di risoluzione del rapporto di lavoro per la scadenza del termine.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 466 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Siamo una coppia omosessuale che vorrebbe unirsi civilmente. Ci spetta il congedo matrimoniale?

Per i lavoratori che si uniscono civilmente è previsto il c.d. congedo matrimoniale, con le medesime regole previste dalla contrattazione collettiva in caso di matrimonio.

Se il lavoratore usufruisce del welfare a fronte del PDR detassato, l’azienda deve avere dimostrazione che si sia trattato di una scelta oppure quest’ultima può imporre il benefit rispetto al pagamento in contanti?

Al fine di porre chiarezza sull’argomento in questione ( welfare e PDR ) e definire proficuamente la procedura idonea per la detassazione e l’eventuale decontribuzione, prevista dalla legge di Stabilità

Quali sono le esclusioni per il calcolo dell’incremento occupazionale?

I casi di esclusione sono previsti dall’articolo 31 del Decreto Legislativo n. 150/2015: dimissioni volontarie, invalidità, pensionamento per raggiunti limiti d’età, riduzione volontaria dell’orario di lavoro, licenziamento per giusta causa.

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento