Formazione: valore aggiunto e…contributo aggiuntivo. ( Fondimpresa Avviso 3/2014)

image_pdfimage_print

fondimpresaTutte le aziende hanno la possibilità di formare i propri dipendenti gratuitamente!
Molte aziende scelgono formazione gratuita con docenti specializzati e ottengono costante miglioramento e sviluppo delle competenze per il personale interno!

Come fare?
Ogni mese con il pagamento dei contributi obbligatori, le aziende versano una quota, corrispondente allo 0,30 della retribuzione dei lavoratori, all’INPS come contributo obbligatorio per la disoccupazione involontaria. Da alcuni anni, le aziende possono scegliere a chi destinare lo 0,30: all’INPS o ai Fondi Interprofessionali. La seconda opzione, senza oneri aggiuntivi consente di ricevere formazione continua e gratuita per le risorse interne. In aumento, pertanto, le aziende che scelgono di destinare lo 0,30 a un Fondo Interprofessionale con l’ obiettivo di ricevere formazione finanziata!

Soffermiamoci un attimo..

I fondi interprofessionale (L. 388/2000) sono organismi di natura associativa promossi dalle organizzazione sindacali e finalizzati alla promozione di attività di formazione rivolte ai lavoratori occupati. Sono autorizzati a raccogliere lo 0,30 versato all’ INPS ed a ridistribuirlo tra i loro iscritti.

Destinando lo 0.30 % a un Fondo Interprofessionale, l’azienda avrà la garanzia che quanto versato per obbligo (L.845/1978) le possa ritornare in azioni formative volte a qualificare, in piena sintonia con le strategie aziendali, i lavoratori dipendenti. L’adesione ad un fondo non comporta ulteriori costi e in più in qualsiasi momento è possibile orientare la scelta verso un altro fondo o rinunciare all’ iscrizione.

Comprendiamone i vantaggi..

L’adesione, libera e gratuita, ha positive ripercussioni:

• Accresce la competitività dell’azienda

• Consente partecipazione attiva a percorsi formativi aderenti a specifici bisogni aziendali e commisurati alla realtà dimensionale dell’impresa.

• Consolida la capacità aziendale di trovare nuovi sbocchi di mercato: aumento di know – how conseguente alla valorizzazione professionale dei dipendenti !

In particolare..

Fondimpresa è il fondo interprofessionale, che vanta il maggior numero di adesioni Promosso da Confindustria, CGIL, CISL e UIL, è aperto a tutte le imprese di ogni settore e dimensione

Per aderire…..

basta scegliere nella “DenunciaAziendale” del flusso UNIEMENS aggregato, all’interno dell’elemento “FondoInterprof”, l’opzione “Adesione”, selezionando il codice FIMA e inserendo il numero dei dipendenti (solo quadri, impiegati e operai) interessati all’obbligo contributivo.

In questo modo, si indica la volontà di affidare a Fondimpresa il proprio contributo INPS dello 0,30%..

Il fondo accumulato va a costituire:

  1. il Conto di Sistema, un conto collettivo che utilizza il 30% (di cui il 4% per spese di gestione) dei contributi versati a Fondimpresa e serve a finanziare piani formativi proposti da enti di formazione accreditati, rivolti ad aziende dello stesso territorio o settore, con particolare attenzione alle aziende di piccole dimensioni (fino a 200 dipendenti)
  2. il Conto Formazione: costituito dal 70% degli accantonamenti e che è a disposizione dell’imprenditore, per attivare formazione ai propri dipendenti secondo un piano formativo concordato. I piani formativi da presentare a Fondimpresa dovranno essere condivisi con le RSU aziendali o con le organizzazioni sindacali del territorio.

Da tenere sempre d’ occhio…

gli Avvisi Fondimpresa, con contributo aggiuntivo, sono bandi di finanziamento, in genere per piccole e medie imprese, concepiti per dare maggiori possibilità di utilizzare il Conto Formazione aziendale, ricorrendo a risorse aggiuntive rese disponibili dal Fondo.

Le risorse accantonate nel Conto Formazione potrebbero, infatti, non essere sufficienti a coprire i fabbisogni formativi aziendali: a tale scopo Fondimpresa consente alle aziende di attuare i propri piani di Formazione Continua integrando le risorse del Conto Formazione con quelle del Conto di Sistema.

L’azienda presenta il piano utilizzando le risorse accantonate disponibili nel proprio Conto e Fondimpresa finanzia il resto attraverso il proprio contributo aggiuntivo. Limiti e requisiti vanno comunque verificati negli specifici Avvisi di finanziamento in quanto in genere dedicati ad un preciso target o a una particolare tematica.

Con l’ Avviso 3/2014 Fondimpresa ha stanziato 10 milioni di euro per la realizzazione di piani formativi aziendali o interaziendali rivolti ai lavoratori delle PMI aderenti di dimensioni minori.

Dal 20 giugno fino al 31 ottobre 2014, fino a esaurimento delle risorse, le aziende aderenti al Fondo potranno presentare richiesta di piani formativi.

Il contributo aggiuntivo è concesso ai piani presentati sul “Conto Formazione” per un importo compreso tr a 3.000,00 e 8000,00 euro per azienda;

Utilizziamoli semplicemente ed efficacemente..

Per cogliere l’opportunità è consigliabile affidare l’attività a un service esterno in grado di gestire la procedura di finanziamento e l erogazione dei percorsi formativi.

Charisma srl offre alle aziende interessate consulenza in materia Fondi Interprofessionali affiancando l’azienda dalla fase di individuazione del fondo fino alla attivazione, gestione e rendicontazione dei percorsi formativi.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento