CGIL-CISL-UIL SU DL ENTI LOCALI

sindacati-confederaliIl superamento di vincoli sulle spese del personale e sul settore scolastico-educativo, una conquista frutto di anni di mobilitazione, insieme ad alcuni aspetti critici che riguardano le province e le città metropolitane”. Un giudizio luci e ombre quello di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl sul decreto Enti locali convertito oggi definitivamente in legge con il via libera del Senato. Secondo i sindacati, “si sono fatti dei passi in avanti, una conquista di anni di mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori, specie per quanto riguarda le stabilizzazioni nel settore scolastico-educativo, ma rimane irrisolto il tema dei precari: per oltre duemila lavoratrici e lavoratori delle province e città metropolitane, da anni, spesso decine, impiegati a garantire servizi pubblici in quegli enti e in scadenza alla fine di quest’anno, non c’è al momento alcuna prospettiva; così come è concreto il rischio per migliaia di dipendenti di enti che hanno sforato il patto di stabilità di vedersi il salario decurtato”.

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

ECOBONUS, 425 MILA POSTI

Nel 2014 il credito di imposta per ristrutturazioni e risparmio energetico ha prodotto 28 miliardi e mezzo di investimenti e 425 mila posti di lavoro fra diretti e indotto. I

CONSULENTI LAVORO: CIRCOLARE ACCESSO A PART TIME AGEVOLATO

Un’analisi giuridica del part time agevolato. E’ quella fatta dalla Fondazione Studi dei consulenti del lavoro nella circolare numero 7, soffermandosi sul campo di applicazione, sulle incentivazioni economiche previste e

GARANZIA GIOVANI: POLETTI, UE PROPONE RIFINANZIAMENTO

“Una buona notizia: la Commissione europea, nell’ambito della revisione del bilancio 2014-2020, ha proposto il rifinanziamento su scala europea del programma Garanzia Giovani per un totale di 2 miliardi di

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento