Le visite personali di controllo sui lavoratori ex art. 6 della legge n. 300/1970 sono ammissibili?

image_pdfimage_print

La risposta è no, salvo casi indispensabili per la tutela del patrimonio aziendale, ossia all’uscita del luogo di lavoro con l’aiuto di sistemi di selezione automatica causale e salvaguardando la dignità e la riservatezza del lavoratore. Le modalità vanno concordate con la RSA o, in difetto, su richiesta datoriale, vanno disciplinate dalla Direzione territoriale del Lavoro.

Sull' autore

Roberto Camera
Roberto Camera 479 posts

Funzionario dell'Ispettorato Nazionale del Lavoro e relatore in convegni sulla gestione del personale. Ha creato, ed attualmente cura, il sito internet http://www.dottrinalavoro.it in materia di lavoro. (*Le considerazioni sono frutto esclusivo del pensiero dell’autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l’Amministrazione di appartenenza)

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

A quanto ammonta il danno che causa un lavoratore, dimettendosi durante un rapporto a tempo determinato?

  Non esiste una norma che definisce il “danno” per l’azienda in caso di recesso anticipato ed unilaterale del lavoratore di un rapporto di lavoro a termine. Teoricamente dovrebbe essere

La Cassa integrazione in deroga per gli anni 2014 e 2015 è cambiata?

Si, per effetto del Decreto interministeriale 1° agosto 2014, n. 83473. L’erogazione è possibile per: situazioni aziendali dovute ad eventi non transitori; situazioni aziendali temporanee determinate da crisi di mercato;

L’azienda ha deciso di porre fine al rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato di un lavoratore assunto in febbraio e con periodo di prova di 6 mesi tuttora in corso …

L’azienda ha deciso di porre fine al rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato di un lavoratore assunto in febbraio e con periodo di prova di 6 mesi tuttora in

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento