Obbligo di comunicazione e certificato medico telematico: arriva la sentenza della Cassazione

image_pdfimage_print

Con sentenza n. 15226/2016 medicola Cassazione ha affermato che rientra tra gli oneri a carico del dipendente, in caso di malattia, non soltanto quello di avvisare il proprio datore, ma anche di verificare che la procedura di invio telematico all’INPS del certificato di malattia da parte del proprio medico, chiedendo il numero protocollo telematico.

L’invio telematico del certificato medico all’Inps, quindi, esonera il lavoratore dall’invio cartaceo del documento, ma non dall’obbligo di avvisare il datore della propria assenza, comunicazione che può fare anche con una telefonata, una email.

Come si evince dalla sentenza il dipendente, inoltre, è tenuto a verificare che la procedura informatica di invio del certificato all’Inps abbia avuto esito regolare.

Se il certificato non è stato inviato ed il datore non ha potuto effettuare le visite di controllo, è possibile attivare una procedura di licenziamento disciplinare.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 295 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Licenziamento disciplinare e fatto posto alla base dello stesso [Cassazione]

Con sentenza n. 19343 del 20 luglio 2018, la Corte di Cassazione ha affermato, che a fronte di un licenziamento disciplinare il cui fatto sia stato accertato in giudizio senza che lo stesso sia

Cassazione su: licenziamento per insulti al superiore gerarchico / simulazione nel contratto di assunzione è reato di estorsione

* licenziamento per insulti al superiore gerarchico Con sentenza n. 9635 dell’11 maggio 2016, la Cassazione ha affermato che l’insulto al superiore gerarchico giustifica il licenziamento pur se la previsione

Cassazione: licenziamento per assenza ingiustificata

Con la sentenza n. 20218, depositata il 7 ottobre 2016, la Corte di Cassazione ha avallato l’immediata risoluzione del rapporto da parte del datore di lavoro per assenza ingiustificata dal lavoro per tre

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento