Obbligo di comunicazione e certificato medico telematico: arriva la sentenza della Cassazione

Con sentenza n. 15226/2016 medicola Cassazione ha affermato che rientra tra gli oneri a carico del dipendente, in caso di malattia, non soltanto quello di avvisare il proprio datore, ma anche di verificare che la procedura di invio telematico all’INPS del certificato di malattia da parte del proprio medico, chiedendo il numero protocollo telematico.

L’invio telematico del certificato medico all’Inps, quindi, esonera il lavoratore dall’invio cartaceo del documento, ma non dall’obbligo di avvisare il datore della propria assenza, comunicazione che può fare anche con una telefonata, una email.

Come si evince dalla sentenza il dipendente, inoltre, è tenuto a verificare che la procedura informatica di invio del certificato all’Inps abbia avuto esito regolare.

Se il certificato non è stato inviato ed il datore non ha potuto effettuare le visite di controllo, è possibile attivare una procedura di licenziamento disciplinare.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 326 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

GDPR pubblicato in Gazzetta Ufficiale, l’Italia si adegua alla rivoluzione della Privacy

Il Consiglio dei Ministri ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 205 del 4 settembre 2018, il Decreto Legislativo 10 agosto 2018, n. 101. Con il decreto cambia radicalmente il “modus” delle

Richiesta di minori carichi di lavoro e demansionamento [Cassazione]

Con ordinanza n. 18817 del 12 luglio 2019, la Cassazione ha affermato che, a fronte di una richiesta del lavoratore finalizzata ad avere meno carichi di lavoro ed a seguito di

INL: maggiori tutele per i lavoratori distaccati in Italia

L’Ispettorato nazionale del Lavoro, congiuntamente al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha emanato la circolare n. 3 del 22 dicembre 2016, con la quale fornisce indicazioni operative circa

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento