ISTAT: DATI RETRIBUZIONI GIUGNO

image_pdfimage_print

ISTATL’indice delle retribuzioni contrattuali orarie a giugno aumenta dello 0,2% rispetto al mese precedente e dello 0,7% nei confronti di giugno 2015. Complessivamente, nei primi sei mesi del 2016 la retribuzione oraria media è cresciuta dello 0,7% rispetto al corrispondente periodo del 2015. Lo rileva l’Istat. Alla fine di giugno 2016 i contratti collettivi nazionali di lavoro in vigore per la parte economica riguardano il 36,4% degli occupati dipendenti e corrispondono al 35,1% del monte retributivo osservato. Nel mese di giugno la quota di dipendenti in attesa di rinnovo per l’insieme dell’economia è pari al 63,6%, in lieve diminuzione rispetto al mese precedente. L’attesa del rinnovo per i lavoratori con il contratto scaduto è in media di 40,1 mesi. L’attesa media calcolata sul totale dei dipendenti è di 25,5 mesi, in crescita rispetto a un anno prima (21,1).

Sull' autore

Pietro Riccio
Pietro Riccio 1146 posts

Pietro Riccio, esperto e docente di comunicazione, marketing ed informatica, giornalista pubblicista, scrittore. Direttore Responsabile del quotidiano online Ex Partibus, ha pubblicato l'opera di narrativa "Eternità diverse", editore Vittorio Pironti, e il saggio "L'infinita metafisica corrispondenza degli opposti", Prospero editore.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

ASSUNZIONI, CONTRATTI SU MISURA

Esiste un contratto fatto su misura e a norma di legge per assumere una colf o un dipendente. È possibile averlo con LexDo.it, un servizio innovativo, personalizzato e aggiornato, soprattutto

STUDI PROFESSIONALI, OCCUPAZIONE SU

Decisa ripresa dell’occupazione negli studi professionali in Lombardia. Nel primo semestre 2015 sono stati assunti 9.833 lavoratori, di cui 1.309 apprendisti, in crescita del 12% rispetto al primo semestre 2014.

RENZI ALLE PARTI SOCIALI. FATE PRESTO

Duro monito del Presidente del Consiglio, Matteo Renzi, rivolto alle parti sociali: “Sulla contrattazione, o interverranno sindacati e Confindustria o intervengono Parlamento e governo – assicura il premier – perché,

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento