Riforma ISPRA: arriva il nuovo Sistema nazionale a rete per la protezione dell'ambiente

Riforma ISPRA: arriva il nuovo Sistema nazionale a rete per la protezione dell'ambiente
image_pdfimage_print

È stato istituito, grazie alla legge n. 132 del 2016, pubblicata da pochi giorni in Gazzetta Ufficiale, il Sistema nazionale a rete per la protezione dell’ambiente, di cui fanno parte l’Istituto per la protezione e la ricerca ambientale (ISPRA) e le agenzie regionali e delle province autonome di Trento e Bolzano per la protezione dell’ambiente, intervenendo contestualmente sulla disciplina dell’ISPRA stesso.

Grazie a questa riforma si potranno avere controlli ambientali più omogenei, trasparenti ed efficaci su tutto il territorio nazionale e si potrà contrastare meglio l’inquinamento. Obiettivi del Sistema Nazionale sono: lo sviluppo sostenibile, la riduzione del consumo del suolo, la salvaguardia e la promozione della qualità dell’ambiente, e la tutela delle risorse naturali. La legge, in vigore dal prossimo 14 gennaio, è fondamentale sia per rafforzare le attività di protezione ambientale, sia per utilizzare al meglio le risorse finanziarie e umane.

Tra i principali compiti attributi al Sistema vi è quello di attuare i livelli essenziali delle prestazioni tecniche ambientali (LEPTA), che rappresentano i livelli qualitativi e quantitativi di attività che devono essere garantiti in modo omogeneo a livello nazionale. Ma non solo: è stato istituito, inoltre, il Sistema informativo nazionale ambientale alimentato dai sistemi informativi regionali, in modo da creare una banca dati di informazioni e di conoscenze preziose a livello nazionale.

Sull' autore

Potrebbe interessarti anche

Generazione Vincente S.p.A. sarà presente alla fiera Fruit Logistica di Berlino dal 7 al 9 febbraio

Si terrà a Berlino, dal 7 al 9 febbraio 2018, Fruit Logistica, il grande salone del commercio e della produzione ortofrutticola, che, con oltre 120 mila metri quadrati di superficie,

"Alla luce del sole": progetto contro il caporalato

Nei giorni scorsi si è tenuta a Taranto la presentazione del progetto nazionale “Alla luce del sole” realizzato dal Movimento cristiano lavoratori (Mcl) e cofinanziato dal ministero del Lavoro, per

Caporalato, gli sfruttati sono 430 mila

Aumento di trentamila unità in 12 mesi. In agricoltura il boom dei voucher maschera il lavoro nero In un anno l’uso dei ticket è cresciuto del 67%. Doveva fare emergere

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento