Reintegrazione con cambio di sede: nuova sentenza della Cassazione

image_pdfimage_print

La nuova sentenza n. 14375/2016 della Corte di Cassazione ha affermato che è illegittimo il licenziamento di un lavoratore susseguente ad una reintegra, a seguito di precedente licenziamento, avvenuta in una sede diversa dalla precedente. Ciò avviene se il datore di lavoro non ha motivato la nuova assegnazione sulla base delle esigenze tecniche, produttive ed organizzative postulate dall’art. 2103 c.c.

Sull' autore

in collaborazione con dottrinalavoro.it
in collaborazione con dottrinalavoro.it 279 posts

www.dottrinalavoro.it è un sito privato di informazione sulle novità in materia di lavoro diretto dal dott. Eufranio Massi e curato dal dott. Roberto Camera.

Vedi tutti i post di questo autore →

Potrebbe interessarti anche

Doppia multa se c`è lavoro nero

In caso di evasione di contributi e premi riferiti a lavoratori irregolari, la legge 183/10 prevede che l’importo delle sanzioni civili calcolate in base all’articolo 116, comma 8, lettera b)

Legge di Bilancio 2019: i contratti a termine esentati dall’applicazione del decreto dignità e smart working

Il comma 403 della Legge 145/2018 (c.d. Legge di Bilancio 2019) ha modificato l’articolo 1, comma 3, del decreto legge n. 87/2018 (c.d. decreto Dignità). La modifica ha riguardato i contratti a termine esentati

lavoratori in mobilità e ricollocazione in azienda con asset aziendali coincidenti [cassazione]

Con sentenza n. 13583 del 2 luglio 2015, la Corte di Cassazione ha confermato il mancato riconoscimento dei benefici contributivi in favore dell’impresa che assume lavoratori collocati in mobilità (articolo

0 Commenti

Non ci sono commenti al momento!

Puoi essere il primo a commentare questo post!

Lascia un commento